Questi sono i prodotti che contengono microplastiche e ancora non lo sapevi

Scopri cosa sono le microplastiche e in quali prodotti puoi trovarle: perché vengono utilizzate e come evitarle? Cosa sono le Microplastiche? Si tratta di piccoli frammenti di plastica che [...] ..

Cosa sono le Microplastiche?

Si tratta di piccoli frammenti di plastica che provengono da rifiuti come bottiglie, contenitori e tessuti sintetici, tra gli altri. La loro dimensione è inferiore a 5 mm di lunghezza e sono insolubili in acqua, quindi vengono filtrati e finiscono nei mari.

Microplastiche primarie e secondarie

Le microplastiche si dividono in due tipi: primarie e secondarie. Esempi di microplastiche primarie includono le microsfere che si trovano nei prodotti per la cura della persona, i granuli di plastica (o nurdles) utilizzati nella produzione industriale e le fibre di plastica utilizzate nei tessuti sintetici (ad esempio nylon).

Microplastiche primarie

Le microplastiche primarie entrano nell’ambiente direttamente attraverso vari canali, ad esempio l’uso del prodotto (per esempio, prodotti per la cura personale lavati nei sistemi fognari domestici), perdite involontarie dovute a fuoriuscite durante la produzione o il trasporto, o l’abrasione durante il lavaggio (per esempio, lavaggio di indumenti realizzati con tessuti sintetici).

Microplastiche secondarie

Le microplastiche secondarie si formano dalla rottura di plastiche più grandi; questo accade tipicamente quando le plastiche più grandi sono soggette agli agenti atmosferici, attraverso l’esposizione, ad esempio, all’azione delle onde, all’abrasione del vento e ai raggi ultravioletti della luce solare.

Impatti ambientali e sanitari

Le microplastiche non sono biodegradabili

Così, una volta nell’ambiente, le microplastiche primarie e secondarie si accumulano e persistono. Le microplastiche sono state trovate in una varietà di ambienti, compresi gli oceani e gli ecosistemi di acqua dolce. Solo negli oceani, all’inizio del 21° secolo l’inquinamento annuale da plastica, da tutti i tipi di plastica, era stimato tra i 4 ei 14 milioni di tonnellate. Le microplastiche sono anche una fonte di inquinamento atmosferico poiché si trovano nell’aria sotto forma di polvere e particelle fibrose. Gli effetti sulla salute dell’inalazione di microplastiche sono sconosciuti.

Entro il 2018, negli ecosistemi combinati di acqua dolce e marina, le microplastiche erano state trovate in più di 114 specie acquatiche. Sono state trovate microplastiche depositate nel tratto digestivo e nei tessuti di vari animali marini invertebrati, inclusi crostacei come i granchi.

L’ingestione di microplastiche

È probabile che pesci e uccelli ingeriscano microplastiche che galleggiano sulla superficie dell’acqua, scambiando i frammenti di plastica per cibo. L’ingestione di microplastiche può far sì che le specie acquatiche consumino meno cibo e quindi abbiano meno energia per svolgere le loro funzioni vitali e può provocare tossicità neurologica e riproduttiva.

Si sospetta che le microplastiche si stiano facendo strada lungo le catene alimentari marine, dallo zooplancton e piccoli pesci ai grandi predatori marini.

Prodotti in cui si possono trovare Microplastiche

Alcuni di questi sono l’igiene personale e i cosmetici, come saponi, dentifrici, creme esfolianti, gel doccia e creme solari.

La maggior parte delle particelle destinate a questi prodotti sono composte da polietilene e hanno dimensioni comprese tra 450-800 micron. Nell’UE si stima che circa 800 tonnellate di microplastiche potrebbero essere utilizzate nei prodotti cosmetici nel 2015. Lo conferma uno studio commissionato dalla Commissione Europea.

Si trovano anche nei prodotti per la pulizia della casa. Questo è il caso dei detersivi per bucato e simili.

Si verifica anche con alcuni alimenti, come sale, pesce e crostacei, nonché con bevande come la birra. Tuttavia, ciò non significa che tutti i prodotti sopra menzionati contengano necessariamente microplastiche nella loro composizione.

Queste particelle sono solitamente utilizzate nella sua fabbricazione per scopi diversi. Il suo potere abrasivo lo rende un elemento nobile per prodotti esfolianti e dentifrici.

D’altra parte, poiché la plastica è un materiale economico e modellabile, consente costi inferiori. Questo è un vantaggio durante il riempimento dei contenitori, soprattutto nel caso di prodotti per la pulizia.

Idee per evitare la Microplastica

Come consumatore, è importante conoscere la composizione e l’origine dei prodotti che acquisti. Leggere le etichette è fondamentale in questo senso.

Se non lo indica, puoi contattare direttamente il marchio per consultare. Le alternative sostenibili, che stanno crescendo ogni giorno sul mercato, sono un ottimo modo per contribuire a un pianeta senza plastica.