Piove plastica, inquinamento oltre l’incredibile

Le microparticelle di plastica sono così onnipresenti che possono anche essere trovate in nuvole e pioggia. Gli scienziati del Geological Survey [...]


Piove plastica, inquinamento oltre l'incredibile.

Le microparticelle di plastica sono così onnipresenti che possono anche essere trovate in nuvole e pioggia. Gli scienziati del Geological Survey (USGS) degli Stati Uniti hanno fatto la scoperta guardando al microscopio i campioni raccolti nella regione delle Montagne Rocciose, nello stato del Colorado (Stati Uniti).

In un’intervista con The Guardian pubblicata di recente, il leader del gruppo, Gregory Wetherbee, ha raccontato come quando, pronto ad analizzare la contaminazione da azoto, rimase sorpreso di trovare fibre e frammenti multicolori.

“Mi aspettavo di vedere principalmente particelle di terra e minerali […] I miei risultati sono puramente accidentali”, ha ammesso il ricercatore.

Inquinamento non solo nelle aree urbane.

Secondo lo studio (link al file pdf) intitolato “It is Raining Plastic” (traduzione: Piove plastica), la plastica è stata rilevata nel 90% dei campioni prelevati sia vicino ad insediamenti umani che in luoghi remoti (ad esempio, nelle montagne a 3159 metri di altezza sul livello del mare), il che significa che l’inquinamento non si trova solo nelle aree urbane.

Incredibile, plastica incontrata nella pioggia.

“Penso che il risultato più importante che possiamo condividere con il pubblico americano sia che c’è più plastica di quella che si vede ad occhio nudo. È nella pioggia, è nella neve. Ora fa parte del nostro ambiente”, ha detto Wetherbee.

Sebbene le attuali tecnologie non consentano di valutare la concentrazione di microparticelle, la loro presenza nella pioggia può rappresentare un pericolo per gli organismi viventi.

“Non è chiaro come questi materiali plastici si accumulino e si assimilino nell’ambiente, né si conoscono i potenziali effetti di questi materiali sugli esseri viventi”, avvertono gli autori.

Leggi  Il lago di ghiaccio scoperto su Marte potrebbe essere dovuto all'attività vulcanica