L’Amazzonia sta liberando più carbonio di quanto ne assorbe, aggravando l’effetto serra

Gravi conseguenze di incendi, attività minerarie e inquinamento in questa zona della giungla. Sfortunatamente, questo polmone del pianeta non genera più ossigeno come negli anni precedenti e rilascia CO2. [...] ..

Gravi conseguenze di incendi, attività minerarie e inquinamento in questa zona della giungla. Sfortunatamente, questo polmone del pianeta non genera più ossigeno come negli anni precedenti e rilascia CO2.

Un recente studio avverte che l’Amazzonia rilascia già più carbonio di quanto assorbe, aggravando così l’effetto serra. Questa è una situazione che deve essere affrontata, poiché l’ossigeno del pianeta sta diminuendo.

La vegetazione di questa grande giungla del Sud America è una di quelle che forniscono più ossigeno alla Terra. Tuttavia, le recenti azioni di incendio e inquinamento hanno colpito questo territorio. La sua vegetazione tende a declinare.

Si è visto che alcune aree dell’Amazzonia generano già più carbonio che ossigeno. A questo si aggiungono altre variabili: aumento delle temperature annuali, siccità prolungate e marcato disboscamento.

Inoltre, è stato rilevato che gli alberi della foresta amazzonica stanno morendo. La qualità del suolo non è buona, avendo molti inquinanti che sottraggono tempo al ciclo di vita degli alberi. Questa è la chiave dell’attuale inconveniente.

Al ritmo attuale, il 40% dell’Amazzonia rischia di diventare una savana. Sarebbe un forte cambiamento nella vita terrestre, poiché questo ecosistema è uno dei più ricchi e importanti del pianeta. Con meno alberi, la fotosintesi e lo scambio di ossigeno e CO2 tra piante e altri esseri viventi non avvengono. Ecco perché la situazione nella geografia amazzonica è diventata sfavorevole per l’equilibrio del pianeta.

Chi è responsabile della catastrofe in Amazzonia

I numerosi incendi rilasciano carbonio nero, che rimane fluttuante nell’ambiente.

Previene una corretta luminosità e l’aria è meno traspirante. Una tale circostanza complica l’esistenza di specie viventi nella regione. Questa è una situazione che può accentuare il cambiamento climatico. La realtà è che ora l’Amazzonia è più calda, contribuendo a cambiare la temperatura globale. Qualcosa che va avanti da decenni.

Vediamo quindi che l’azione umana è la causa di queste alterazioni. Pertanto, sono proprio gli esseri umani che possono invertire questa circostanza. Si devono fermare le azioni dannose e salvare l’Amazzonia.

Come recuperare l’Amazzonia

Dobbiamo rimboschire e rispettare quest’area del pianeta. In questo modo, la giungla sudamericana può ritrovare il suo splendore. Gli alberi possono riprendersi, ma crescono lentamente. Devi essere paziente per vedere i risultati.

Vale la pena dire che è necessario uno sforzo. Dobbiamo smettere di abbattere alberi, smettere di inquinare i fiumi con attività minerarie e fermare la caccia alle specie selvatiche. Tutto è necessario: un ecosistema è la somma di ciascuna delle sue componenti.

L’area amazzonica è recuperabile? Sì, ma ci vorrà tempo. Dobbiamo fare il primo passo: l’idea è di realizzare un ambiente equilibrato per tutti sulla Terra.