Deforestazione Amazzonia, bomba a orologeria per la prossima pandemia

Esperti lanciano l'allarme: Il rapido consumo della foresta amazzonica brasiliana potrebbe portare con sé una delle prossime pandemie....

Deforestazione Amazzonia, bomba a orologeria per la prossima pandemia.

Una cosa è fare fa circolare notizie false (fake news) su Internet e un’altra ancora, e molto più seria, è che un presidente le diffonda. Jair Bolsonaro, presidente del Brasile, ha assicurato a destra e a sinistra che la pandemia coronavirus non è qualcosa di cui i cittadini dovrebbero preoccuparsi.

Tuttavia, gli esperti affermano che la pandemia è un rischio reale e che anche un’intensa deforestazione in Amazzonia potrebbe essere una delle cause di questa crisi sanitaria. Il ministro della salute brasiliano Luiz Henrique Mandetta ha insistito sull’importanza di rimanere a casa. Tuttavia, ha incontrato un muro difficile da tirare giù. Dal 2019 Jair Bolsonaro scoraggia e squalifica la ricerca scientifica.

Deforestazione con facce di incendi

La gravità della deforestazione in Amazzonia, la foresta tropicale che copre il nord-ovest del Brasile e che si estende in Colombia, Perù e altri paesi del Sud America, è uno dei problemi più gravi che il mondo intero deve affrontare oggi, perché il suo lavoro di purificazione dell’aria ha un impatto positivo su tutti i continenti.

Sembra che gli incendi boschivi facilitino lo sfruttamento territoriale di Bolsonaro e, quindi, non si preoccupa nonostante la minaccia ecologica che rappresentano. Fin dai suoi primi giorni in carica, il Presidente del Brasile ha cercato di cambiare le leggi che proteggono i territori naturali che hanno abitato e protetto storicamente le popolazioni indigene.

Deforestazione Amazzonia, bomba a orologeria per la prossima pandemia.

Allo stesso modo, c’è stato un aumento del 30,5% degli incendi boschivi nell’Amazzonia brasiliana rispetto all’anno precedente. Nel frattempo, Bolsonaro assicura che investire nella protezione di questo luogo ancestrale provoca solo perdite economiche:

“Sto perdendo soldi perché non mi permettono di ottenere più alberi. Parlano molto della conservazione dell’Amazzonia, ma non vedo nessun produttore guadagnare da questa conservazione”.

Tuttavia, la più grande riserva forestale del pianeta nasconde anche altri potenziali rischi. Gli scienziati hanno collegato l’epidemia di COVID-19 al commercio di specie selvatiche e alla distruzione degli ecosistemi. Assicurano che la combustione e la deforestazione illegale in Amazzonia potrebbero incoraggiare lo sviluppo di future pandemie. Siamo onesti: le nostre azioni ci hanno portato così lontano e continuare su questa strada potrebbe avere ripercussioni più serie.

La distruzione in Amazzonia incoraggia lo scoppio di nuove malattie.

Tra agosto 2018 e luglio 2019, i territori indigeni hanno perso 423,3 chilometri [fonte] quadrati di foresta a causa della deforestazione, che ha rappresentato un aumento del 74% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Nel 2020 le cose continuano a peggiorare. La deforestazione nel periodo dal 1° gennaio al 31 marzo rappresenta cifre allarmanti rispetto agli anni precedenti.

E questa non è solo una brutta notizia per i locali e la fauna selvatica.

La deforestazione nel periodo dal 1° gennaio al 31 marzo 2020.

Secondo Kate Jones, presidente dell’ecologia e della biodiversità presso l’University College di Londra, le malattie infettive trasmesse dagli animali [fonte] rappresentano una minaccia crescente. L’alterazione dell’habitat, principalmente nelle foreste tropicali, favorisce l’esistenza di pandemie.

Peter Daszak, presidente dell’EcoHealth Alliance, spiega nel suo nuovo studio “Emergenza di malattie infettive ed economia dei paesaggi alterati” [leggi il PDF] che circa uno su tre focolai di nuove malattie è correlato ai cambiamenti nell’uso del suolo, come la deforestazione.

Incendi rilevati nell'ultimo anno (da agosto 2018 ad agosto 2019) / NASA.

Gli incendi hanno un ruolo centrale. Come indicato in uno studio internazionale [fonte], “la regione amazzonica del Brasile dopo un incendio boschivo innesca una selezione per sopravvivere”. Ciò significa che mantiene in vita alcuni serbatoi di batteri, virus e parassiti zoonotici. L’obiettivo: migliorare l’habitat e il comportamento di alcune specie animali.

Finora, la ricerca indica che il nuovo coronavirus è uno dei focolai infettivi che le profezie sulla distruzione della biodiversità potrebbero soddisfare. È tempo di esigere grandi leader che hanno il coraggio di occuparsi dei grandi problemi di oggi.