Località vicino al Polo Nord registra Record di calore

I termometri hanno raggiunto domenica 21 luglio l’allarmante temperatura di 21 gradi Celsius ad Alert, nell’estremo nord del Canada, la ...

Località vicino al Polo Nord registra storico Record di calore.

I termometri hanno raggiunto domenica 21 luglio l’allarmante temperatura di 21 gradi Celsius ad Alert, nell’estremo nord del Canada, la città più settentrionale del pianeta. Si trova a meno di 900 chilometri dal Polo Nord.

Questo è un record di calore assoluto per l’estate boreale, ha certificato questo martedì l’agenzia meteorologica canadese. Alert è una base militare permanente stabilita nel parallelo 82 per intercettare le comunicazioni russe. Ha una stazione meteorologica dal 1950. La sua temperatura media per un mese di luglio è di soli 3,4 gradi e la media massima è di 6,1 gradi.

Domenica 14 luglio, questa stazione sulle rive dell’Oceano Artico ha raggiunto i 21 gradi, e il giorno precedente il termometro segnava 20 gradi, che fino a quel momento era il massimo. Il record è stato superato di un grado, quando di solito, essendo valori estremi, dovrebbe essere fatto per decimi di grado.

Questo è un record assoluto! Non l’abbiamo mai visto prima”, ha detto il meteorologo del Ministero dell’Ambiente del Canada. Castellan lo considera “impressionante dal punto di vista statistico” e “un altro esempio tra centinaia e centinaia di altri record stabiliti dal riscaldamento globale“.

Alla base, situata sull’isola di Ellesmere, vivono 75 persone, tra il personale militare e civile, che si fanno chiamare Frozen Chosen (gli eletti congelati in italiano). Passano da tre a sei mesi di servizio alla stazione. La città principale più vicina è Toronto, a 4380 chilometri a sud.

Il record è stato prodotto nel contesto di un’intensa ondata di caldo, con temperature elevate nel nord del Canada che sono “totalmente devastanti”, soprattutto perché sono state “molto più calde del solito per una settimana e mezza” , si lamenta Castellan.

“Non è un’esagerazione parlare di un’ondata di caldo artico”.

Lo afferma David Phillips, climatologo specializzato in Ambiente e Cambiamenti Climatici, un ufficio del governo canadese. “Il nord, dalle isole Yukon alle isole artiche, ha registrato la sua seconda o terza primavera più calda”, ha ricordato.

I modelli previsionali del governo canadese “mostrano che la tendenza in Alert continuerà anche a luglio, e quindi tra agosto e inizio settembre”.

L’ondata di calore è dovuta a un fronte di alta pressione sulla Groenlandia, che è “abbastanza eccezionale” e alimenta i venti meridionali nell’Oceano Artico, ha spiegato Castellan. L’Artico si sta riscaldando tre volte più velocemente di altre parti del pianeta, ha sottolineato Castellan, per mettere in guardia sull’urgente necessità di una drastica riduzione delle emissioni di carbonio.