Scoperta una proteina che altera i livelli di glucosio nel sangue

Ricercatori spagnoli hanno scoperto attraverso un’indagine che la proteina p53 è responsabile della regolazione della produzione di glucosio nel corpo ed è quindi responsabile dei livelli di glucosio nel [...] ..

Scoperta una proteina che altera i livelli di glucosio nel sangue

Ricercatori spagnoli hanno scoperto attraverso un’indagine che la proteina p53 è responsabile della regolazione della produzione di glucosio nel corpo ed è quindi responsabile dei livelli di glucosio nel sangue. Inoltre, questi ricercatori hanno potuto verificare che questa proteina è alterata nei pazienti con diabete. D’altra parte, ricerche precedenti avevano già confermato un ruolo protettivo contro il cancro della proteina p53.

Proteina p53 come regolatore della glicemia

Questo è un ampio studio su una proteina che è stata ampiamente studiata nel campo dell’oncologia per le diverse funzioni che presenta come soppressore del tumore. Tuttavia, la sua possibile partecipazione alla produzione epatica di glucosio in condizioni fisiologiche non era stata finora analizzata.

I ricercatori spiegano come la proteina p53 sia un fattore chiave nella produzione epatica di glucosio durante il digiuno: “In queste condizioni, p53 subisce una modifica post-trascrizionale, chiamata O-GlcNAcylation, che ne favorisce la stabilizzazione e le consente di favorire l’espressione di PCK1, uno dei più importanti enzimi coinvolti nella produzione di glucosio”.

In questo senso, i ricercatori hanno dettagliato il modo in cui i principali ormoni che migliorano la produzione di glucosio richiedono la O-GlcNAcylation di p53 per indurre la produzione di glucosio.

Scoperta una proteina che altera i livelli di glucosio nel sangue

A tal proposito, sottolineano che “al contrario, un aumento eccessivo dei livelli di p53 O-GlcNAcylated impedisce alla segnalazione dell’insulina di agire in modo appropriato nel fegato, generando insulino-resistenza“.

Pertanto, questa scoperta in relazione alla proteina p53 potrebbe aprire un nuovo panorama in termini di controllo glicemico nell’organismo e potenziali trattamenti per i pazienti con diabete.

(adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})

Questo studio mostra come i livelli degli enzimi coinvolti nella O-GlcNAcylation e i livelli di p53 e PCK1 siano notevolmente aumentati nel fegato di pazienti con diabete di tipo 2. Pertanto, i ricercatori suggeriscono che si tratta di un importante progresso per lo studio della patologia.

Porta davvero un nuovo approccio completamente diverso e inaspettato e una visione del modo in cui la produzione di glucosio è regolata nel fegato. È un fattore determinante per i livelli di glucosio nel sangue.

Diabete, la settima causa di morte nel mondo

Attualmente, circa un adulto su 11 nel mondo ha il diabete, secondo la stima dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Ed è che questo organismo ha catalogato il diabete come la settima causa di morte in tutto il mondo.

Pertanto, il mantenimento dei livelli di glucosio nel sangue richiede il corretto funzionamento di una serie di meccanismi. In questo senso, durante il digiuno, l’organismo tende a produrre diverse quantità di glucosio per prevenire qualsiasi episodio di ipoglicemia (carenti livelli di glucosio nel sangue). Dopo i pasti, invece, la produzione di glucosio rallenta per prevenire possibili iperglicemia.

Ed è in questo aspetto che la proteina p53 gioca un ruolo di primo piano: poiché il principale produttore di glucosio nel corpo è il fegato.