Le ondate di calore diventeranno più intense a causa del cambiamento climatico

Il cambiamento climatico potrebbe essere responsabile delle ondate di caldo estremo che l’Europa e l’Asia stanno vivendo quest’anno. Dopo diversi studi sull’attribuzione, i ricercatori dell’Imperial College di Londra affermano [...] ..

Le ondate di calore diventeranno più intense a causa del cambiamento climatico

Il cambiamento climatico potrebbe essere responsabile delle ondate di caldo estremo che l’Europa e l’Asia stanno vivendo quest’anno. Dopo diversi studi sull’attribuzione, i ricercatori dell’Imperial College di Londra affermano che il riscaldamento globale ha svolto un ruolo chiave nell’intensità e nella frequenza di questi episodi di calore nel 21° secolo. Non solo per il notevole aumento della temperatura media annuale, ma anche per l’aumento delle temperature minime.

Le ondate di calore potrebbero smettere di essere ciò che sappiamo

Sebbene la diversità del pianeta favorisca la comparsa di ondate di calore a metà luglio e agosto, non tutti i paesi hanno vissuto episodi così intensi come nell’ultimo decennio.

Tra il 2011 e il 2020, il verificarsi di temperature massime è raddoppiato in tutto il mondo. E grazie a questo, paesi come Cina, India e Pakistan stanno vivendo giornate calde da maggio.

Tutti gli studi di attribuzione hanno collegato questi eventi meteorologici al cambiamento climatico, poiché è stato dimostrato che il riscaldamento globale aumenta l’intensità delle ondate di calore in più di un’occasione. Ad esempio, durante l’ondata europea del 2003, o durante l’ondata di caldo russa del 2010. Tempi in cui la temperatura media globale ha raggiunto 0,64 °C e il ghiaccio dei ghiacciai periferici della Groenlandia ha iniziato a sciogliersi.

Tuttavia, l’Imperial College assicura che potrebbero esserci altri fattori legati alle ondate di calore. Con il quale sono necessari ulteriori studi per determinare quanto sia pericoloso il ruolo dei cambiamenti climatici tra luglio e agosto, poiché si sono verificati episodi estremi molto prima che si parlasse di riscaldamento globale.

Quello che è un fatto legato al cambiamento climatico è la comparsa delle prime ondate di calore.

Cioè, prima dell’estate, dove le temperature dovrebbero essere molto più basse.

Ogni nuova ondata di caldo arriva prima e le sue conseguenze sono devastanti

L’ultimo rapporto dell’AEMET suggerisce che in quest’ultimo decennio ci sono ondate di caldo prima del solstizio di giugno. Il che significa che l’estate è durata un mese in più del solito e, con essa, gli effetti negativi delle ondate di caldo estremo.

Paesi come la Spagna ora affrontano temperature che superano i 40°C durante il giorno e i 20°C di notte. Ciò provoca un chiaro aumento del rischio di morte per disidratazione.

Diversi studi hanno dimostrato che le notti calde sono particolarmente pericolose per gli anziani o per le persone con malattie croniche. Questo perché non si adattano bene agli sbalzi di temperatura come i giovani, quindi possono soffrire di mal di testa e nausea, ipertermia o convulsioni fatali.

Quale sarebbe lo scenario peggiore?

Se si conferma che le ondate di calore cambieranno più velocemente a causa del cambiamento climatico, molto probabilmente vedremo un aumento della frequenza ad ogni ulteriore grado di riscaldamento globale. In altre parole, potremmo passare da circa 40 °C a 50 °C all’ombra in un paio d’anni. E da 20 °C di notte, a 25 °C prima di coricarsi.

Questo a sua volta può causare effetti aggiuntivi sull’ecosistema. Per esempio, incendi di sesta generazione, sempre più intensi per l’estensione della vegetazione secca. O anche improvvise siccità in tutto il mondo, legate da molti anni al riscaldamento globale e all’aumento delle temperature.

Tuttavia, questa è solo la stima dei ricercatori dell’Imperial College. Le future ondate di calore potrebbero causare problemi solo agli esseri umani. Tra il 2000 e il 2020, gli episodi di caldo estremo hanno causato quasi 157mila vittime umane in tutto il mondo, quindi è tempo di prepararsi ai cambiamenti che ci attendono.