La Francia offre Biciclette Elettriche in cambio di Vecchie Auto per ridurre le Emissioni

La Francia approva un piano per ridurre le emissioni di carbonio, darà 2.500 euro per acquistare biciclette elettriche in cambio della consegna di una vecchia auto...

PARIGI – L’Assemblea nazionale francese ha approvato una misura estremamente interessante per ottenere la riduzione dei gas serra. I legislatori francesi hanno approvato il piano di riduzione delle emissioni di anidride carbonica che prevede un sussidio di 2.500 euro per ogni persona disposta a cedere la propria vecchia auto e acquistare in cambio una bicicletta elettrica.

Il piano fa parte di un progetto più ampio che mira a ridurre le emissioni di gas di carbonio fino al 40% entro il 2030. E sebbene ci siano misure simili in paesi come la Finlandia che offrono aiuto per acquistare un’auto elettrica in cambio di auto vecchie, nessuno di questi piani scommette sulla riduzione del numero di auto in circolazione. Per questo il piano francese diventa piuttosto innovativo per raggiungere l’obiettivo degli accordi di Parigi.

Oliver Schneider della Federazione francese degli utenti di biciclette (FUB) esprime l’importanza dell’approvazione preliminare di questo piano:

“Per la prima volta si riconosce che la soluzione non è rendere le auto più rispettose dell’ambiente, ma semplicemente ridurne il numero” .

Perché è importante ridurre le emissioni di carbonio?

Il più grande motore dell’umanità oggi è ancora il carbonio. La maggior parte dei veicoli in tutto il mondo utilizza combustibili fossili che, una volta bruciati, rilasciano nell’atmosfera gas tossici noti come emissioni di carbonio che generano l’effetto serra.

In condizioni normali l’effetto serra è effettivamente benefico per l’umanità, aiuta a proteggerci dalla radiazione solare. All’interno della nostra atmosfera ci sono diversi tipi di gas che insieme formano un perfetto equilibrio, ma qualsiasi strano incidente interromperà quell’equilibrio.

Questo è esattamente ciò che sta accadendo emettendo gas che non fanno parte della natura dell’atmosfera. Questi generano uno strato di nuvole che mantiene il calore e non gli consente di fuoriuscire verso l’esterno.

Di conseguenza abbiamo il riscaldamento globale che anno dopo anno aumenta la temperatura media della Terra. Diversi effetti derivano dal riscaldamento, come lo scioglimento dei poli, la perdita di biodiversità e l’innalzamento del livello del mare.

L’accordo di Parigi

Dato che la temperatura media del pianeta è prossima a superare 1,5 °C sin dall’epoca preindustriale, le nazioni di tutto il mondo hanno firmato l’Accordo di Parigi nel 2016, che mira a promuovere azioni per ridurre le emissioni di carbonio.

Questo prevede di mantenere la temperatura media del pianeta al di sotto dei 2 °C al di sopra dei livelli preindustriali. Per questo, le autorità delle 55 nazioni che hanno firmato l’accordo devono promuovere e intensificare gli sforzi e sostenere misure per ridurre le emissioni.

La sovvenzione approvata in Francia per l’acquisto di biciclette elettriche in cambio di auto d’epoca rientra in queste misure e prevede di invertire la situazione. Si spera che nel tempo altre nazioni seguiranno l’esempio e insieme possiamo salvare il pianeta.