L’Artico tornerà ad essere verde, come 125 mila anni fa

Una dozzina di millenni fa, l’Artico (il Polo Nord) non era un paesaggio ghiacciato. A quel tempo aveva un aspetto verde, che è cambiato a causa dei riadattamenti della [...] ..

L'Artico tornerà ad essere verde, come 125 mila anni fa

Una dozzina di millenni fa, l’Artico (il Polo Nord) non era un paesaggio ghiacciato. A quel tempo aveva un aspetto verde, che è cambiato a causa dei riadattamenti della natura. Qualcosa che, a quanto pare, accadrà di nuovo. Si sospetta che la superficie dell’Artide diventerà di nuovo verde, come 125.00 anni fa. Il punto è che il cambiamento climatico sta lasciando gravi effetti sulla terra. Ad esempio, il cambiamento radicale negli ecosistemi.

Un’indagine dell’Università di Colorado Boulder

Questa istituzione nordamericana ha studiato il ghiaccio marino in quest’area del mondo. È così che sono state trovate tracce di DNA vegetale in questa regione polare. Inoltre, non sono piante comuni o piccole. Questi sono i resti di alberi, erbe e vegetazione totale che coprivano questo territorio. Ciò dimostra che nel periodo interglaciale l’Artico era un territorio verde, con una vegetazione importante ed esuberante.

Per l’attuale situazione del pianeta, i due poli devono essere mantenuti freddi. Tuttavia, si ritiene che il ghiaccio marino artico potrebbe scomparire entro il 2035. È una notizia che ha lanciato allarmi in tutto il mondo.

Se si verifica quanto sopra, lo scioglimento dell’Artico innescherà un aumento del livello dell’acqua in tutto il pianeta. Molte isole saranno sott’acqua. Chilometri di coste scompariranno sotto i mari del pianeta.

Cosa succederà all’Artide dopo lo scioglimento dei ghiacci

Forse tornerà verde come tanti secoli fa. E ciò che ci spaventa è che non manca tanto perché ciò accada. In poco tempo, si ritiene che questa regione della terra aumenti la sua temperatura di 5 gradi.

(adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})
Ad esempio, si ritiene che già nel 2100 si vedranno i primi segni di vegetazione in questo luogo. Questo è un cambiamento serio, che è anche dietro l’angolo. Tuttavia, possiamo ancora fermare questa situazione.

Negli ultimi tempi si è visto che alcune cose sono migliorate. Ad esempio, il buco nello strato di ozono si è chiuso. Inoltre, molti paesi hanno iniziato con politiche di conservazione ambientale. Tutto quanto sopra può aiutare a prevenire il processo di riscaldamento globale. Nonostante questo, il tempo gioca a nostro sfavore.

Cambiamenti negli ecosistemi della Terra

Non solo la zona polare vedrà alterazioni, ma anche, ad esempio, deserti e giungle. Molte piante fioriscono già presto grazie al caldo di inizio stagione. Gli animali si spostano in territori più temperati. È un’immagine complicata, ma reversibile. Inoltre, gli esseri umani sanno già che le loro azioni sono ciò che fa scattare questi cambiamenti. Sta nelle nostre mani evitarli.

Quale altro effetto ha il cambiamento climatico? Ebbene, senza dubbio alterazioni nei raccolti e nei cicli di vita degli esseri viventi. Ci sono molte implicazioni e l’urgenza per fermarlo.