Allarmante nuovo studio: Ghiaccio si scioglie il 65% più velocemente rispetto agli anni ’90

Uno studio, il primo del suo genere, ha esaminato i dati satellitari per vedere come la crisi climatica sta influenzando i ghiacci del pianeta a livello globale. Secondo uno [...] ..

Allarmante nuovo studio: Ghiaccio si scioglie il 65% più velocemente rispetto agli anni '90.

Uno studio, il primo del suo genere, ha esaminato i dati satellitari per vedere come la crisi climatica sta influenzando i ghiacci del pianeta a livello globale. Secondo uno studio pubblicato su The Cryosphere, il tasso di perdita di ghiaccio in tutto il mondo è aumentato di oltre il 60% negli ultimi tre decenni. Il Dr Thomas Slater, autore principale dello studio e ricercatore presso il Leeds Center for Polar Observation and Modeling:

“Le calotte glaciali seguono i peggiori scenari di riscaldamento climatico stabiliti dal Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (Intergovernmental Panel on Climate Change). L’innalzamento del livello del mare su questa scala avrà impatti molto gravi sulle comunità costiere in questo secolo”.

Studi precedenti hanno utilizzato dati satellitari per valutare la perdita di ghiaccio da punti specifici, come le calotte polari. Ma questo è il primo a prendere in considerazione tutte le fonti di perdita di ghiaccio a livello globale.

Quantità di ghiaccio persa

Lo studio ha rilevato che il mondo ha perso circa 31 trilioni di tonnellate tra il 1994 e il 2017. Durante questo periodo, anche il tasso di perdita di ghiaccio è aumentato del 65%, da 0,9 trilioni di tonnellate statunitensi all’anno a 1,4 trilioni di tonnellate statunitensi all’anno. La perdita di ghiaccio dalle calotte glaciali dell’Antartide e della Groenlandia ha contribuito notevolmente a questa cifra.

Il documento analizza anche quali fonti hanno perso la maggior parte del ghiaccio in termini totali tra il 1994 e il 2017. Le quantità sono approssimative e sono espresse in tonnellate statunitensi:

  • Ghiaccio marino artico: 8,4 trilioni
  • Piattaforme di ghiaccio antartiche: 7,2 trilioni
  • Ghiacciai di montagna: 6,7 miliardi
  • Calotta glaciale della Groenlandia: 4,2 trilioni
  • Calotta glaciale antartica: 2,8 trilioni
  • Ghiaccio marino dell’Oceano Antartico: un trilione

Cosa produce il disgelo?

Lo studio ha anche esaminato la causa principale del disgelo da ciascuna fonte. Nel caso del ghiaccio marino artico e dei ghiacciai di montagna, l’aumento delle temperature atmosferiche ha causato il disgelo.

Nel caso della calotta glaciale antartica, la causa principale è stata l’innalzamento delle temperature oceaniche. E nel caso della calotta glaciale della Groenlandia e delle piattaforme glaciali antartiche, lo scioglimento è aumentato da una combinazione di entrambi.

In totale, secondo lo studio, lo scioglimento dell’Antartide, della Groenlandia e dei ghiacciai di montagna ha innalzato il livello del mare di circa 34,6 millimetri.

Anche se questo potrebbe non sembrare molto, ogni centimetro di innalzamento del livello del mare mette a rischio di inondazioni un milione di persone nelle zone basse. Inoltre, l’innalzamento del livello del mare non è l’unica minaccia dallo scioglimento dei ghiacci.

“Oltre a contribuire all’innalzamento medio del livello del mare, i ghiacciai di montagna sono anche una risorsa fondamentale di acqua dolce per le comunità locali.

(adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})
Il ritiro dei ghiacciai in tutto il mondo è quindi di cruciale importanza sia a livello locale che globale”, racconta Inès Otosaka, coautore del rapporto e ricercatore PhD di Leeds.

Anche lo scioglimento del ghiaccio marino artico è un problema perché riduce la calotta glaciale che riflette l’energia solare nello spazio.

“Man mano che il ghiaccio marino si restringe, gli oceani e l’atmosfera assorbono più energia solare, facendo sì che l’Artico si riscaldi più velocemente che in qualsiasi altra parte del pianeta. Ciò non solo accelera lo scioglimento del ghiaccio marino, ma accentua anche lo scioglimento dei ghiacciai e delle calotte glaciali, provocando l’innalzamento del livello del mare”, ci dice Dr Isobel Lawrence, coautore e Leeds Research Fellow.

Lo scienziato del clima Gavin Schmidt, che non è stato coinvolto nello studio, lo ha definito un “resoconto completo di come il ghiaccio sta scomparendo dall’Artico, dall’Antartico e dalle catene montuose”.

Tuttavia, non è d’accordo con l’affermazione del documento secondo cui lo scioglimento del ghiaccio marino galleggiante non contribuisce direttamente all’innalzamento del livello del mare. Ha indicato un documento del 2007 che concludeva che se tutto il ghiaccio marino galleggiante si sciogliesse, il livello del mare aumenterebbe di circa quattro centimetri. Slater ha convenuto che la formulazione dovrebbe essere modificata per chiarire che lo scioglimento del mare galleggiante contribuisce leggermente all’innalzamento del livello del mare.


Per approfondimenti: “Global ice loss increases at record rate” [www.leeds.ac.uk]