Quanto Ghiaccio ha perso la Terra in 30 anni a causa dei Cambiamenti Climatici

Gli esperti ritengono che l'innalzamento del livello del mare causato dallo scioglimento dei ghiacciai e delle calotte glaciali potrebbe raggiungere un metro entro la fine di questo secolo....

Quanto Ghiaccio ha perso la Terra in 30 anni a causa dei Cambiamenti Climatici

Scienziati britannici stimano che la Terra abbia perso 28 trilioni di tonnellate di ghiaccio tra il 1994 e il 2017 a causa dei cambiamenti climatici, secondo un articolo di revisione pubblicato questo mese sulla rivista Cryosphere Discussions.

Con tutto quel ghiaccio scomparso “l’intera superficie del Regno Unito potrebbe essere ricoperta da uno strato di acqua ghiacciata spesso 100 metri”, esemplifica Thomas Slater, un ricercatore dell’Università di Leeds che ha partecipato allo studio.

Gli esperti, che descrivono i dati come “allarmanti“, hanno analizzato immagini e dati ottenuti dal satellite dei poli, montagne e ghiacciai di tutto il nostro pianeta per misurare quanta copertura di ghiaccio è stata persa a causa del riscaldamento globale causato dall’aumento delle emissioni dei gas serra.

L’innalzamento del livello del mare causato dallo scioglimento dei ghiacciai e delle calotte glaciali potrebbe raggiungere un metro entro la fine di questo secolo.

“Ogni centimetro di innalzamento del livello del mare significa che circa un milione di persone saranno sfollate dalle loro pianure”, spiega Andrew Shepherd, direttore del Center for Polar Modeling and Observation presso l’Università di Leeds e coautore dello studio.

Scioglimento dei ghiacciai e delle calotte glaciali.

Gli scienziati avvertono che il restringimento del ghiaccio riduce significativamente la capacità della Terra di riflettere la radiazione solare nello spazio, con conseguente aumento delle temperature.

Inoltre, notano che l’acqua fredda proveniente dallo scioglimento dei ghiacciai e delle calotte glaciali sta causando “gravi interruzioni della salute biologica delle acque artiche e antartiche”.

Sherperd sottolinea che è la prima volta che viene condotta un’indagine che analizza questo fenomeno su scala globale, dopo alcuni studi individuali sull’Antartide o la Groenlandia. “Quello che abbiamo trovato ci ha stupito”, ha confessato lo scienziato.

“In media, la temperatura della superficie planetaria è aumentata di 0,85 °C dal 1880 e questo è stato amplificato nelle regioni polari”, afferma lo studio, che assicura che le temperature marittime e atmosferiche siano aumentate, causando “una catastrofica perdita di ghiaccio “.

Nel complesso, l’articolo sottolinea che la stragrande maggioranza del ghiaccio perso durante quel periodo di tempo è una conseguenza diretta del cambiamento climatico. In particolare, l’aumento della temperatura del mare è stato il principale fattore determinante nella riduzione della calotta glaciale in Antartide, mentre l’aumento della temperatura atmosferica ha causato la perdita di ghiaccio dai ghiacciai continentali, come quelli dell’Himalaya.