Il buco dell’ozono raggiunge il suo minimo storico

La NASA ha riferito che a causa delle temperature insolitamente calde negli strati superiori dell’atmosfera sopra l’Antartide questo mese, il ...

Il buco dell'ozono raggiunge il suo minimo storico.

La NASA ha riferito che a causa delle temperature insolitamente calde negli strati superiori dell’atmosfera sopra l’Antartide questo mese, il buco dell’ozono ha raggiunto la sua dimensione più piccola da quando ha iniziato ad essere osservato nel 1982.

Grazie alle osservazioni dell’agenzia spaziale e dell’Amministrazione nazionale oceanica e atmosferica (NOAA), è stato stabilito che il buco annuale dell’ozono ha raggiunto il punto massimo di 16,4 milioni di chilometri quadrati l’8 settembre e poi è stato ridotto a meno di 10 milioni di chilometri quadrati durante il resto del mese e ottobre.

Hanno spiegato che in condizioni climatiche normali durante questo periodo, il buco dell’ozono si estende per un massimo di 12,8 milioni di chilometri quadrati.

Riduzione è dovuta a anomalie climatiche

Nonostante siano buone notizie, gli scienziati sottolineano che questa riduzione è dovuta a anomalie climatiche.

“Non è un segno che l’ozono sia sulla buona strada per il recupero”, afferma l’esperto della NASA Paul Newman.

Il buco dell’ozono si forma durante la fine dell’inverno nell’emisfero meridionale quando i raggi del sole che ritornano nella stratosfera innescano reazioni chimiche che riducono l’ozono. Con temperature più calde, si formano meno reazioni, che limitano il processo di riduzione dell’ozono.

Questa è la terza volta negli ultimi 40 anni che le condizioni climatiche calde limitano l’esaurimento dell’ozono. Schemi simili sull’Antartide hanno fatto diminuire il buco nel settembre 1988 e 2002.