COVID-19 produce più inquinamento plastica

Guanti, maschere, dispositivi di protezione individuale (DPI) e tutti quei residui di plastica della lotta contro COVID-19 che non vengono ...

COVID-19 produce più inquinamento plastica.

Guanti, maschere, dispositivi di protezione individuale (DPI) e tutti quei residui di plastica della lotta contro COVID-19 che non vengono smaltiti correttamente, risultano essere un pericolo per l’ambiente: l’inquinamento da plastica.

La lotta contro l’inquinamento non finisce e durante questa pandemia di COVID-19, gli ambientalisti temono le conseguenze negative per la fauna selvatica. Grazie alle misure adottate da diversi paesi a causa della pandemia, come il confinamento sociale e la chiusura delle scuole, meno persone viaggiano nei trasporti, il che ha ridotto le emissioni di gas inquinanti.

Tuttavia, la lotta contro il coronavirus ha anche causato un aumento dei rifiuti, in particolare da materie plastiche monouso come guanti, maschere e schermi protettivi che vengono utilizzati negli ospedali o in strada per prevenire il contagio. Le Nazioni Unite stimano che 13 milioni di tonnellate di plastica vengano gettate in mare ogni anno e che metà della plastica prodotta in tutto il mondo sia destinata ad articoli monouso.

Allo stesso modo, la domanda di questi prodotti si è moltiplicata durante la pandemia e rappresentano un grave problema di contaminazione, perché non vengono sempre riciclati o gettati via in contenitori. L’Italia, durante la revoca della fase di chiusura da parte di COVID-19, avrà bisogno di 1 miliardo di maschere e guanti al mese, secondo le stime del Politecnico di Torino.

Secondo un rapporto del WWF, “Se solo l’1% delle maschere dovesse essere smaltito in modo improprio e disperso in natura, ciò comporterebbe l’inquinamento dell’ambiente fino a 10 milioni di maschere al mese”. “Dato che il peso di ciascuna maschera è di circa 4 grammi, ciò comporterebbe la dispersione in natura di oltre 40 mila chilogrammi di plastica”, afferma il rapporto.

Gran parte dei DPI utilizzati per proteggere gli operatori sanitari, come guanti, maschere e abiti, viene utilizzato una volta prima di essere scartato. Questo è il caso, nonostante nessuna prova scientifica, che le materie plastiche monouso siano migliori delle materie plastiche riutilizzabili, ha affermato Kevin Stairs, direttore della politica chimica e dell’inquinamento di Greenpeace.

Contaminazione plastica da COVID-19

In Grecia, i residenti nella città costiera possono uscire solo in circostanze rigorose, tra cui esercizi brevi e fare la spesa. Ma guanti, salviette e bottiglie disinfettanti scartati sono sparsi in parchi, marciapiedi e autostrade, mentre le persone cercano di proteggere se stessi e gli altri. Il problema non si limita alla Grecia. Detriti simili stanno causando problemi in grandi metropoli come New York, Londra, Messico e Spagna.

E ha anche colpito le isole disabitate di Soko. A poche miglia nautiche da Hong Kong, Gary Stokes del gruppo di conservazione OceansAsia ha trovato oltre 100 maschere lavate nel corso di tre visite alla spiaggia.

“Non abbiamo notato che molte maschere prima in una posizione così remota”, ha detto Stokes, che sospetta venisse dalla Cina o da Hong Kong. Ha aggiunto: “Quando li abbiamo trovati, erano passate solo dalle sei alle otto settimane da quando le persone hanno iniziato a indossare queste maschere”.

Le maschere sono così leggere da poter volare e, una volta entrate nell’acqua, rappresentano una minaccia per la vita marina.

“[Nelle acque di Hong Kong] abbiamo delfini rosa e tartarughe verdi che attraversano questo posto”, ha detto Stokes. “Uno studio pubblicato di recente ha dimostrato che quando la plastica viene lasciata nell’acqua abbastanza a lungo e su di essa crescono alghe e batteri, in realtà odora di cibo per le tartarughe”.

L’economia circolare è la risposta?

“La lettiera in mare è generata dal modo in cui smaltiamo DPI e plastica in generale, non dall’uso stesso”, ha affermato Richard Thompson, professore di biologia marina alla Plymouth University, che per primo ha coniato il termine “microplastiche” nel 2004

“[I governi] stanno chiedendo a tutti i cittadini di camminare con una maschera, ma questo non deve creare spazzatura”. “Data la crisi e l’immensa pressione che stiamo affrontando in questo momento, non dovremmo ritardare la consegna del PPE a tutti adesso.

Thompson sostiene che la progettazione corretta dei prodotti potrebbe in primo luogo aiutare a controllare la quantità di rifiuti nell’oceano. Questa filosofia è la base dell’economia circolare, che cerca di creare articoli più facili da riciclare.

Prendi, ad esempio, le maschere per il viso importate dalla Cina. Gli esperti dicono che sono fatti di più strati di materiali o polimeri diversi. Questa complessità rende molto più difficile riciclare tali articoli.

“I paesi dovrebbero cercare di sviluppare prodotti realizzati con lo stesso polimero, che possiamo rintracciare e raccogliere in contenitori monouso sigillati, dove possono essere disinfettati e riciclati”, ha affermato Claudia Brunori, chimico dell’agenzia governativa italiana per le nuove tecnologie e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA).

La plastica biodegradabile è la risposta?

“Le sole soluzioni in plastica biodegradabile non sono la risposta alla riduzione dei rifiuti marini”, ha dichiarato Virginia Janssens, amministratore delegato di PlasticsEurope, un’associazione che rappresenta i produttori di materie plastiche. “L’elemento più importante è che i DPI e tutti i rifiuti devono essere smaltiti correttamente, in conformità con le linee guida delle autorità.”

Il professor Thompson ha dichiarato: “I tassi di degrado dipendono da molti fattori diversi. Dipende dal tipo di polimero utilizzato, ma in acque profonde, dove fa freddo e buio, sarà diverso da una spiaggia.

“Un recente studio sulla plastica biodegradabile esposta a diversi ambienti ha dimostrato che alcuni articoli sono rapidamente scomparsi, mentre erano ancora disponibili per l’acquisto in alcuni di questi sacchetti dopo quattro anni in mare. Quando raggiungono il mare, è troppo tardi”.