CoronaVirus Cina, primo caso segnalato negli Stati Uniti

I centri per il controllo e la prevenzione delle malattie degli USA hanno confermato oggi la scoperta nel paese del primo caso del nuovo coronavirus che si è diffuso in ...

CoronaVirus Cina, primo caso segnalato negli Stati Uniti.

I centri per il controllo e la prevenzione delle malattie degli USA hanno confermato oggi la scoperta nel paese del primo caso del nuovo coronavirus che si è diffuso in Cina, dove ha causato varie morti per polmonite e ha infettato 300 persone dallo scorso dicembre.

La persona infetta dal virus è arrivata nel paese dalla città cinese di Wuhan, nella provincia di Hubei, e la settimana scorsa è stata diagnosticata una polmonite a Seattle, nello stato di Washington. Le autorità non hanno rivelato l’identità del paziente interessato, sebbene abbiano precisato che è in gravi condizioni.

Scattati i controlli sui passeggeri in arrivo dalla Cina ai tre grandi aeroporti internazionali Usa: ai Jfk di New York, a San Francisco e a Los Angeles.

L’origine dell’epidemia

L’epidemia sarebbe legata a un mercato di Wuhan, poiché molti pazienti erano venditori o clienti regolari di quel luogo situato in una città in cui si sono registrati 258 casi. In totale, 227 persone rimangono ricoverate in ospedale, 51 delle quali gravi e 12 in condizioni critiche.

I media locali hanno indicato che ci sono stati 291 infetti in Cina fino al 20 gennaio e che la stragrande maggioranza era nella provincia di Hubei sebbene fossero stati colpiti anche a Pechino o Shanghai, alcuni casi sono stati rilevati in persone provenienti dal territorio cinese in Australia, Giappone, Tailandia e

Corea del Sud.

La polmonite attribuita al nuovo coronavirus non è caratterizzata da sintomi speciali, poiché i pazienti hanno la febbre, mentre alcuni soffrono di difficoltà respiratorie e le loro radiografie mostrano cambiamenti nei polmoni.

Emergenza internazionale?

Come in altre malattie causate da virus, non esiste un farmaco specifico che pone fine alla causa principale ed è lo stesso sistema immunitario umano che deve combattere il microrganismo: i trattamenti esistenti aiutano solo ad alleviare i sintomi.

I medici cinesi e l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) hanno indicato all’inizio che il virus si contraeva con ogni probabilità a contatto con gli animali. Tuttavia, questo lunedì hanno stabilito che potrebbe essere trasmesso tra umani se ci fossero contatti stretti.

L’OMS si riunirà tra poche ore per decidere se è necessario dichiarare l’epidemia come un’emergenza sanitaria pubblica internazionale. “Ci sono ancora più domande per le quali non abbiamo risposte, di quelle che sappiamo”, ha dichiarato William Schaffner, professore di medicina e malattie infettive presso il Vanderbilt University Medical Center nella città statunitense di Nashville.