Sostituire i benefici dell’esercizio con le pillole? Identificano una molecola che può ridurre l’appetito

Gli scienziati hanno identificato una molecola nel sangue dei topi che viene prodotta durante l’esercizio fisico, in grado di ridurre efficacemente l’assunzione di cibo e prevenire l’obesità, secondo una [...] ..

Sostituire i benefici dell'esercizio con le pillole? Identificano una molecola che può ridurre l'appetito

Gli scienziati hanno identificato una molecola nel sangue dei topi che viene prodotta durante l’esercizio fisico, in grado di ridurre efficacemente l’assunzione di cibo e prevenire l’obesità, secondo una recente dichiarazione della Baylor School of Medicine (Texas, USA), che ha partecipato alla scoperta insieme a Stanford University (California) e altre istituzioni. Pertanto, gli esperti stimano che in futuro i farmaci con la molecola scoperta potrebbero sostituire l’esercizio stesso.

I ricercatori chiariscono che non tutti hanno bisogno del potenziale sostituto, ma gli anziani con osteoporosi, malattie cardiache o altri problemi di salute, che non riescono a mantenere una sufficiente attività fisica, lo fanno. In quanto tali, questi gruppi di pazienti potrebbero beneficiare della ‘pillola dell’esercizio’ per rallentare il progresso della loro condizione.

“È stato dimostrato che l’esercizio fisico regolare aiuta con la perdita di peso, regola l’appetito e migliora il profilo metabolico, soprattutto per gli individui in sovrappeso e obesi”, ha affermato il professor Yong Xu, coautore dello studio. “Se riusciamo a capire il meccanismo attraverso il quale l’esercizio porta questi benefici, allora saremo più vicini ad aiutare molte persone a migliorare la propria salute”, ha aggiunto.

La molecola chiave che i topi generano sul tapis roulant è un amminoacido modificato, chiamato Lac-Phe. Gli specialisti ne hanno analizzato la presenza nel plasma sanguigno di roditori con diete diverse. In quelli alimentati con una dieta ricca di grassi, una dose elevata di Lac-Phe ha ridotto l’assunzione di cibo di circa il 50% rispetto ai topi di controllo per un periodo di 12 ore senza influire sui movimenti o sul dispendio energetico.

Quando somministrato ai topi per 10 giorni, Lac-Phe ha ridotto l’assunzione di cibo e il peso cumulativi degli animali (a causa della perdita di grasso corporeo) e ha migliorato la tolleranza al glucosio.

Gli autori hanno anche identificato un enzima, chiamato CNDP2, che è coinvolto nella produzione di Lac-Phe e hanno mostrato che i topi privi di questo enzima non perdevano tanto peso quanto un gruppo di controllo, mentre entrambi eseguivano lo stesso piano di allenamento per la perdita di peso.

Inoltre, notevoli aumenti dei livelli di Lac-Phe dopo l’attività fisica sono stati registrati anche nel plasma dei cavalli da corsa e degli esseri umani. I dati di una coorte umana hanno mostrato che l’esercizio sprint ha indotto l’aumento più drammatico dell’amminoacido chiave nel plasma, seguito dall’allenamento di resistenza. ‘Questo suggerisce che Lac-Phe è un antico sistema che preserva e regola l’alimentazione ed è associato all’attività fisica in molte specie animali’, ha riassunto il coautore della ricerca Jonathan Long.

L’articolo scientifico del team su questo importante metabolita e il suo ruolo nella salute è stato pubblicato il 15 giugno sulla rivista Nature.