Severn Cullis-Suzuki è stata la prima Greta Thunberg

Quando aveva solo 12 anni, nel 1992, la giovane Suzuki sorprese il mondo allo stesso modo di Thunberg oggi, mettendo a tacere il mondo con il suo discorso....

Severn Cullis-Suzuki è stata la prima Greta Thunberg.

L’ondata di mobilitazioni di massa ispirate all’esempio di Greta Thunberg è stata davvero impressionante e piena di speranza. Ma non è la prima volta nella storia che i giovani salgono sul palcoscenico mondiale per rivendicare ai leader mondiali sulla distruzione dell’ambiente.

Severn Cullis-Suzuki è un’ambientalista canadese che, nel 1992, quando aveva solo 12 anni, si è trovata di fronte ai leader internazionali al Vertice della Terra tenutosi a Rio de Janeiro.

La ragazza che mise a tacere il mondo per 5 minuti

Proprio come fa Greta Thunberg oggi, Suzuki ha parlato del buco dell’ozono, dell’estinzione di specie, dell’aria e dell’acqua inquinate, del disboscamento e altro ancora. Il suo intervento a nome dell’organizzazione ecologica per bambini E.C.O., fu molto applaudito all’epoca e guadagnò a Suzuki il titolo di “la ragazza che mise a tacere il mondo per 5 minuti”.

“Sono qui per parlare a nome di tutte le generazioni future. Sono qui per parlare degli innumerevoli animali che muoiono perché non hanno un posto dove andare”, ha detto Suzuki a quella conferenza.

Sono parole che sarebbero potute uscire dalla bocca di Thunberg, ma sono state dette quasi 30 anni fa in nome di un altro movimento giovanile in cerca di cambiamento. Eppure, tre decenni dopo, il mondo è peggio di quando Suzuki ha pronunciato il suo discorso.

Perché non agiamo? Perché siamo andati nella direzione opposta? Perché non ci siamo voltati prima?” si chiedeva Suzuki in una recente intervista. Crede che gli interessi corporativi siano stati la causa del declino delle questioni climatiche.

Severn Cullis-Suzuki è stata la prima Greta Thunberg.

“Nel 1992, il mondo voleva cambiare”, ha detto.

“I leader mondiali hanno firmato documenti che oggi sarebbero molto radicali. Ma il potere aziendale ha guadagnato terreno e oggi siamo in una posizione molto diversa. Ora il cambiamento climatico ci sta affrontando, è qui”, lamenta.

Fiduciosa per l’iniziativa di Greta Thunberg

Allo stesso tempo, Suzuki si sente fiduciosa per l’iniziativa di Thunberg e dei giovani che si stanno mobilitando per un futuro migliore. “C’è qualcosa che è l’eredità dei bambini, questa qualità nel dire la verità”, ha detto, ricordando che spesso sono i giovani a formare le fronti delle rivoluzioni.

Ma si rammaricava anche che la pressione di diventare guerrieri per il tempo li facesse male, e ha ritenuto importante che le persone intorno a loro offrissero loro il supporto necessario affinché potessero andare avanti. In ogni caso, ha confessato di provare molta ammirazione per il modo in cui Greta Thunberg si gestisce nei social network e il modo in cui si esprime durante i suoi discorsi.

Suzuki ha ricordato che ha deciso di lottare per l’ambiente per proteggere le generazioni future e ha detto che un giorno guarderemo indietro e ci renderemo conto che quello che è successo è stato un crimine contro il più giovane.

Quando gli è stato chiesto cosa avrebbe detto alle Nazioni Unite se avesse avuto l’opportunità di tenere un altro discorso, ha detto che avrebbe parlato delle generazioni future.

“Parlerei di cosa significhi essere una madre. Dalle responsabilità che ho imparato, che sono sacri doveri umani come il trasferimento della terra alla generazione successiva. Non ereditiamo la terra dei nostri genitori. Lo prendiamo in prestito dai nostri figli. Chiederei anche perché, dopo aver promesso di cambiare, siamo solo tornati indietro e siamo peggiorati”.