Scoperte fughe dal nucleo della Terra in grado di influenzare il campo geomagnetico

Il campo geomagnetico, cruciale per la vita, potrebbe essere influenzato in modo imprevedibile dalla perdita di isotopi di tungsteno dall’interno ...

Scoperte fughe dal nucleo della Terra in grado di influenzare il campo geomagnetico.

Il campo geomagnetico, cruciale per la vita, potrebbe essere influenzato in modo imprevedibile dalla perdita di isotopi di tungsteno dall’interno del nostro pianeta verso la superficie.

Questo è il risultato di una ricerca sulle interazioni chimiche del nucleo della terra con il mantello, pubblicata lo scorso giugno sulla rivista Geochemical Perspectives Letters.

Per decenni, gli scienziati si sono chiesti se i suddetti strati terrestri scambino la materia tra loro. E il nuovo lavoro assicura che, per la prima volta, siano state scoperte prove a favore di una risposta positiva a questa domanda.

Il nucleo della Terra è composto da ferro e nichel, così come altri elementi come il platino, l’oro e il tungsteno. Le temperature raggiungono i 5000 gradi Celsius all’interno, mentre molti esperti ritengono che fino a metà di tutte le emissioni di calore vulcanico provenienti da tutto il pianeta vengano da qui.

Gli autori della pubblicazione hanno esaminato campioni di rocce nel cratone paleo-arcaico di Pilbara (Australia), nonché sull’isola della Reunion e nell’arcipelago delle Kerguelen, rilevando isotopi di tungsteno. La sua presenza è nota nel nucleo esterno, ma non negli strati superiori, motivo per cui i ricercatori presumono che abbia raggiunto la superficie facendosi strada attraverso il mantello.

Gli scienziati stimano che la parte liquida del nucleo terrestre sia in un lento processo di solidificazione, mentre il nuovo studio potrebbe essere di grande aiuto per comprendere l’evoluzione dello strato di quella Terra.

È noto che i componenti solidi del nucleo terrestre sono responsabili della creazione della magnetosfera, che ci aiuta a proteggerci dalle pericolose particelle di spazio ad alta energia. Tuttavia, l’implicazione della scoperta per il campo geomagnetico non è ancora chiara.