Scoperta nuova relazione tra Terremoti e Campo Magnetico della Terra

Più di 5 decenni di ricerche hanno dimostrato che il campo magnetico cambia prima di un terremoto. Enrique Cordaro è ...

Scoperta nuova relazione tra Terremoti e Campo Magnetico della Terra.

Più di 5 decenni di ricerche hanno dimostrato che il campo magnetico cambia prima di un terremoto. Enrique Cordaro è un fisico e accademico presso l’Università del Cile. Ha studiato il campo magnetico della Terra per oltre 50 anni e tutti questi anni di lavoro hanno dato risultati.

In una nuova ricerca pubblicata su Advances in Space Research, Cordaro e il suo team hanno scoperto due cose. E’ stato dimostrato che il campo magnetico terrestre (situato nella zona sudamericana) varia considerevolmente, prima dei grandi terremoti e che durante la misurazione del campo magnetico della zona sudamericana si è reso conto che questo si è indebolito se confrontato tra Putre e Puerto Montt. Quest’ultimo è stato evidenziato confrontando il campo magnetico di questo settore del paese con il campo magnetico di altri luoghi nel mondo.

Come spiega il ricercatore “il campo magnetico viene dal centro della Terra. Viene prodotto nel nucleo a 1500 km di profondità, dove la terra di fusione è incandescente. C’è un’intensità di 300 tesla, ma sulla superficie della Terra le onde che misuriamo hanno circa 20 nanotesla”, spiega. Il campo magnetico protegge i pianeti da tutte le particelle che provengono dallo spazio esterno, aggiunge.

Nel settore della costa sudamericana, queste onde sono più piccole. “Le nostre misurazioni mostrano che c’è una debolezza nel campo. Questo è in aggiunta al fatto che siamo sulla costa del Pacifico, dove si trova lo scontro a piastre. Tutto ciò significa che esiste una maggiore probabilità di eventi o terremoti superiori a M8“, afferma.

Nel terremoto in Giappone, Sumatra e Maule, le onde erano più deboli prima del movimento. Quando li abbiamo misurati, tutti e tre hanno avuto la stessa frequenza”.

La misurazione è stata possibile grazie ai magnetometri e ai misuratori di neutroni progettati e costruiti in Cile e situati tra le linee ecuadoriana e antartica. I dati sono stati raccolti grazie alla rete Altiplánica-Pacifico-Antartica di Osservatori di Radiazione Cosmica e Geo-Magnetismo (APAN) costituita dall’Osservatorio di Putre ad alta montagna alle latitudini equatoriali, Los Cerrillos a latitudine media e LARC o Antartico.

“Abbiamo trascorso cinque decenni a misurare le variazioni del campo magnetico terrestre”.

“Dovevamo sapere se ciò che abbiamo visto nei registri non erano eventi isolati.

L’attesa ha pagato: abbiamo trovato che esiste una relazione tra le variazioni del campo e l’incidenza di terremoti“, ha detto Cordaro, Dipartimento Accademico di Fisica presso la Facoltà di Scienze Fisiche e Matematiche dell’Università del Cile e la Facoltà di Ingegneria dell’Università Autonoma del Cile.

Circa il tempo che potrebbe verificarsi questo evento, Cordaro dice che resta da studiare. A suo avviso, sono necessarie: più istruzione, più risorse e più persone che lavorano in questo tipo di misura, cosa che oggi non avviene.

Secondo Mario Mendoza Barcenas, professore ricercatore presso il Centro per lo Sviluppo aerospaziale del Politecnico Nazionale del Messico, il lavoro dei ricercatori cileni è “un contributo inestimabile dal punto di vista della scienza di frontiera e una proposta che fa esplodere una grande opportunità nel campo dello sviluppo tecnologico in un’applicazione di alto impatto sociale”.

Il lavoro di Cordaro e del suo team si è basato su dati sulla rigidità geomagnetico sulla anomalia magnetica atlantica (fenomeno planetario) che colpisce il Cile. Inoltre, le osservazioni hanno permesso di conoscere parametri come il vento e il ciclo solare durante il giorno.

Queste informazioni saranno utili per le comunità di raggi cosmici e geomagnetismo o geo-spaziale, dice lo scienziato presso l’Università del Cile.

“Il nostro team ha lavorato a lungo senza finanziamenti, e questo è stato un pò stressante. Abbiamo bisogno che il governo e i privati ci ascoltino perchè questo lavoro potrebbe salvare vite e milioni di dollari in perdite materiali”, ha detto concluso Cordaro.