La realtà non esiste a livello quantico

Non molto tempo fa, un adolescente di nome Hillary Diane Andales ha vinto un premio per il modo in cui ...

La realtà non esiste a livello quantico.

Non molto tempo fa, un adolescente di nome Hillary Diane Andales ha vinto un premio per il modo in cui ha spiegato, in una cattedra virtuale di soli 3 minuti, la teoria della relatività (guarda il video). La questione non solo sorprende perché una giovane è in grado di capire e far capire agli altri qualcosa di così complesso, ma perché la sua spiegazione parte da qualcosa di molto semplice: l’empatia.

Per comprendere la teoria della relatività, così come la meccanica quantistica, forse non c’è nulla di più efficace dell’essere empatici e del saper vedere attraverso gli occhi degli altri. Questo è ciò che fa Andales quando mostra come un 6 può essere un 9 visto da un’altra prospettiva. Ma se seguiamo rigorosamente questa linea, allora la conclusione inevitabile sarebbe che la scienza non si basa su fatti inconfutabili, ma su varie alternative.

Quindi, potremmo pensare che uno scienziato non possa mai verificare un fatto oggettivo nella solitudine del suo laboratorio. Piuttosto, la scienza è una creazione collettiva – nel senso più ampio in cui possiamo concepire una simile asserzione – perché la realtà è un sistema complesso di cui ogni osservatore è parte.

Ogni osservatore avrà una visione diversa di ciò che percepisce.

Quindi, siamo tutti scienziati? Non esattamente. Il punto è che nessuno può sostenere la verità assoluta su ogni “fatto oggettivo” – nemmeno uno scienziato – perché quella realtà che gli scienziati studiano è una creazione collettiva che tutti noi percepiamo e costantemente modifichiamo. Ciò accade anche a livello quantico, che ha portato i fisici a mettere in discussione la realtà a tutti i livelli.

Nessuno può sostenere la verità assoluta su ogni "fatto oggettivo".

I fatti alternativi della fisica quantistica.

I fisici della Heriot-Watt University hanno condotto uno studio a livello quantistico per dimostrare che non ci sono fatti oggettivi nella quantica. Usando quattro macchine con sofisticate capacità interpretative, così come le particelle quantistiche di foto-luce, hanno dimostrato che la realtà non esiste in quanto tale e che la forma che adotta dipende da come i fatti sono percepiti da ciascun osservatore.

La prova è stata che due delle macchine, chiamate Alice e Bob, hanno ricevuto un fotone da uno scambio esterno. Poi hanno dovuto interpretare il messaggio e inviare un fotone identico alle altre due macchine, Amy e Brian.

La cosa sorprendente era che quest’ultimo interpretava il fotone in modo diverso rispetto ad Alice e Bob, anche se erano macchine con un alto grado di precisione. A questo studio ne sono aggiunti altri, che hanno dimostrato che gli atomi eseguono il loro comportamento solo quando osservati. Quindi questo va oltre noi e le macchine: è un problema su scala nanometrica che può solo portarci a mettere in discussione la realtà.

Viviamo un mondo irreale?

Alcuni neuroscienziati concordano sul fatto che la realtà è un costrutto del nostro cervello: la nostra percezione e le nostre capacità cognitive danno forma al mondo.

Ma alcuni filosofi contemporanei hanno messo in dubbio tali affermazioni in quanto ciò ci porterebbe a basare la nostra esistenza su una vecchia – e già superata – premessa cartesiana: “Penso dunque sono”. Il filosofo Alva Noë, ad esempio, ritiene invece che la percezione è una dialettica tra il nostro cervello e il nostro ambiente: un rapporto che trasforma ciò che pensiamo come reale.

La realtà è un costrutto del nostro cervello.

Forse la quantica è diretta da questa dialettica: staremmo pensando al mondo e alla scienza a partire da un principio di empatia. Regole di confronto e invisibile, presente intreccio in ogni movimento vitale nanometrico tanto quanto nella nostra apparente realtà. Un mondo costruito da ogni visione e ogni azione, ma governato da alcune leggi, sebbene mai assolute.

Che la realtà non esiste potrebbe diventare una verità universale, anche fragile come qualsiasi fatto oggettivo può diventare così in un mondo di molteplici verità, in cui i fatti non può essere dissociati da quelli individuali e collettivi dei processi (o visibili e quantistici).