Pazienti guariti da COVID-19: possono perdere fino al 30% di capacità polmonare

Alcuni pazienti guariti dal coronavirus covid-19 hanno evidenziato una ridotta funzionalità polmonare e hanno problemi come mancanza di respiro quando ...

Coronavirus, Pazienti guariti da COVID-19: possono perdere fino al 30% di capacità polmonare.

Alcuni pazienti guariti dal coronavirus covid-19 hanno evidenziato una ridotta funzionalità polmonare e hanno problemi come mancanza di respiro quando camminano veloci.

Il direttore medico dell’Autorità Center for Infectious Diseases presso il Princess Margaret Hospital di Hong Kong (Cina), Owen Tsang Tak-yin, ha rivelato che dopo aver visitato i pazienti dimessi negli appuntamenti di follow-up, hanno scoperto che il 30% di loro non erano in grado di svolgere attività precedentemente svolte normalmente: “alcuni pazienti possono avere una riduzione della capacità polmonare compresa tra il 20% e il 30%”.

Le scansioni polmonari di nove pazienti infetti dal nuovo coronavirus hanno mostrato immagini di “vetro congelato”, suggerendo che gli organi erano danneggiati. Inoltre, Tsang ha sottolineato che gli effetti a lungo termine che la malattia potrebbe lasciare, come la fibrosi polmonare, che è un indurimento dei tessuti polmonari che ne impedisce il corretto funzionamento, rimane ancora da studiare.

Il medico ha sottolineato che saranno organizzate sessioni di fisioterapia per rafforzare i polmoni di questi pazienti. Tsang ha anche raccomandato di fare esercizi cardiovascolari, come il nuoto, per aiutare questo organo vitale a riprendersi gradualmente.

Trattamenti con Kaletra, Ribavirina, interferone e Remdesivir.

Al momento, i pazienti con covid-19 sono trattati con Kaletra, un farmaco usato per l’HIV, nonché con Ribavirina, usato in pazienti con epatite C e con interferone. Inoltre, nelle prossime settimane, gli ospedali di Hong Kong inizieranno gli studi clinici con remdesivir, originariamente sviluppato per trattare l’Ebola, per vedere quanto sia efficace contro il nuovo virus.

Questa settimana, la Commissione nazionale cinese per la salute ha dichiarato che il paese asiatico ha superato il picco dell’epidemia di coronavirus, mentre l’Organizzazione mondiale della sanità ha avvertito che l’Europa è ora diventata “l’epicentro della pandemia“.

Il virus mortale ha già causato la morte di oltre 5.000 persone in tutto il mondo.