Oltre la Metà del Pianeta respira aria inquinata ogni giorno

Secondo uno studio dell'Università di Exeter, poco più della metà dell'umanità vive circondata da aria inquinata. L'inquinamento non ha smesso di crescere negli ultimi decenni....

Oltre la Metà del Pianeta respira aria inquinata ogni giorno.

Purtroppo l’inquinamento è già del tutto integrato e normalizzato nel nostro modo di vivere. Abbiamo imparato a conviverci, e non ci sembra più strano leggere cifre record fatidiche sugli effetti del riscaldamento globale o vedere come le nostre città attivano protocolli per abbassare il livello di inquinamento. E, come sottolineato da un’indagine dell’Università di Exeter pubblicata sulla rivista Nature Climate and Atmospheric Science, che potete leggere qui, più della metà della popolazione soffre quotidianamente della realtà di respirare aria inquinata.

Tempo addietro vi abbiamo raccontato come durante il confinamento della crisi del COVID-19 si siano verificati cali di circa il 20% delle emissioni di CO2 nel mondo. Tuttavia, con la fine della reclusione, l’azione eccessiva e suicida dell’essere umano è tornata ai vecchi modi di continuare a maltrattare la natura. Quando finiremo con tutto questo?

L’inquinamento provoca quattro milioni di morti all’anno

I ricercatori dell’Università di Exeter e in collaborazione con l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), hanno dimostrato che più di 3 miliardi di persone vivono in atmosfere con particelle fini nell’aria (PM2,5), di diametro inferiore a 2,5 μm.

Quella metà del pianeta inala aria inquinata ogni giorno è una vera minaccia per la salute pubblica, poiché l’OMS stima che più di quattro milioni di persone muoiono ogni anno a causa di malattie che hanno molto a che fare con l’inquinamento.

Inoltre, mostra che gli sforzi di personalità come Greta Thunberg o gli “ambiziosi” patti globali per ridurre le emissioni non sono sufficienti. Gavin Shaddick, professore all’Università di Exeter, nello studio pubblicato:

“Mentre le politiche a lungo termine per ridurre l’inquinamento atmosferico si sono dimostrate efficaci nelle regioni dell’Europa o degli Stati Uniti, ce ne sono altre che hanno livelli pericolosamente alti di inquinamento atmosferico, alcuni fino a cinque volte superiori alle linee guida dettate dall’OMS “.

Per questo studio sono stati utilizzati i dati di monitoraggio dalle stazioni di terra e altre informazioni satellitari. Più nello specifico, i dati ottenuti dallo spazio sono il risultato di misurazioni della profondità ottica degli aerosol, ovvero la diffusione e l’assorbimento della luce visibile da parte delle particelle presenti nell’atmosfera.

Dati che ci fanno pubblicare nuovamente brutte notizie sulla nostra salute e su quella del pianeta. Se riusciamo a ridurre le nostre emissioni, ridurremo gli effetti del cambiamento climatico e, forse, finiremo per un pianeta caratterizzato da aria inquinata.