I microbi sulla pelle possono rivelare l’età di una persona

Un nuovo studio ha scoperto che la composizione di microbi che vivono nella pelle e nella bocca, può essere utilizzata ...

I microbi sulla pelle possono rivelare l'età di una persona.

Un nuovo studio ha scoperto che la composizione di microbi che vivono nella pelle e nella bocca, può essere utilizzata per stimare l’età, con un margine di un paio d’anni.

I nostri corpi sono ricoperti di microrganismi come batteri, funghi e virus, una comunità vibrante conosciuta collettivamente come microbioma umano.

Il microbioma umano cambia rapidamente durante i primi anni di vita e, sebbene poi si stabilizzi, è noto che il microbioma intestinale, in particolare, cambia costantemente con l’età.

Ciò ha portato i ricercatori dell’Università della California, San Diego (UCSD) in collaborazione con IBM, a sviluppare uno strumento predittivo basato sull’apprendimento automatico, in grado di stimare l’età in base alle percentuali delle varie popolazioni di microbi presenti nella pelle.

Le nostre vite dipendono da questi microbiomi.

Il microbioma della pelle forma uno strato protettivo contro i batteri invasivi e dannosi. D’altra parte, il microbioma intestinale aiuta il corpo a digerire il cibo, assorbire i nutrienti e regolare il sistema immunitario. Questa, soprattutto, è una buona cosa. Ma quando questa relazione simbiotica va storta, per ragioni non completamente comprese, possono svilupparsi condizioni come diabete, malattie infiammatorie intestinali e cancro.

Alcuni ricercatori suggeriscono che l’invecchiamento stesso e le malattie che spesso lo accompagnano potrebbero essere il risultato del cambiamento nel panorama del microbioma.

Applicazione dello studio.

Hanno combinato i dati di numerosi studi con un totale di quasi novemila campioni di microbiomi, inclusi campioni di intestino, bocca e pelle, provenienti da persone che vivono negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Cina e in altri paesi.

Utilizzando un approccio di apprendimento automatico, hanno scoperto che i microbiomi della pelle delle persone erano i migliori predittori dell’età, poiché potevano misurare l’età degli individui in circa quattro anni.

Microbi che sembrano cambiare.

Uno dei motivi per cui i microbi che vivono nella nostra pelle sembrano cambiare in modo così costante nelle diverse persone mentre invecchiamo, possono essere le variazioni prevedibili nella fisiologia della pelle che tutti sperimentano.

Questi includono una minore produzione di olio naturale per la pelle e una maggiore secchezza, ha affermato il team di ricerca che ha pubblicato i risultati sulla rivista mSystems.

Applicazioni scientifiche

Il microbioma cutaneo potrebbe essere applicato in modo più universale alle stime dell’età, ha suggerito lo studio del suo team. Infine, conoscere il ruolo che tutte le regioni del microbioma svolgono nell’invecchiamento può aiutare i ricercatori a comprendere meglio il rischio di una persona di contrarre malattie legate all’età.

Ad esempio, sapere che una persona di 40 anni ha un microbioma intestinale o cutaneo simile a quello di una persona di 60 anni potrebbe avvisare i medici di una malattia di base.