Taurina usata per aiutare a ringiovanire la pelle umana

Le rughe della pelle causate dall’età possono essere dovute all’essiccazione delle cellule. Per contrastarlo, gli scienziati hanno proposto l’uso di ...

Taurina usata per aiutare a ringiovanire la pelle umana.

Le rughe della pelle causate dall’età possono essere dovute all’essiccazione delle cellule. Per contrastarlo, gli scienziati hanno proposto l’uso di osmoliti, sostanze che aumentano la pressione osmotica nella cellula in modo che l’acqua scorra verso l’interno. Uno di questi osmoliti, ad esempio, può essere la taurina. Il lavoro è stato pubblicato sulla rivista Aging Cell.

La pelle è uno degli organi in cui l’età è più evidente.

La pelle invecchia allo stesso tempo sia esternamente, sotto l’influenza dei raggi ultravioletti e dei cambiamenti di temperatura, sia dall’interno, quando le sue singole cellule si deteriorano e le fibre della sostanza intercellulare vengono distrutte.

Uno dei segni dell’invecchiamento cutaneo è l’essiccazione e le cellule dell’epidermide sono più sensibili ad essa rispetto a qualsiasi altra cellula del corpo, perché l’acqua le lascia costantemente nell’ambiente esterno. Tuttavia, non è ancora chiaro come resistano alla perdita di umidità.

È noto come le cellule di altri organi che affrontano una caduta di pressione (come i reni) affrontano questo: producono osmoliti organici, come betaina, mioinositolo e taurina. Quando l’acqua lascia la cellula, la sua produzione aumenta, la pressione osmotica all’interno della cellula aumenta e l’acqua ritorna. Se la cellula si gonfia, attraverso le proteine di trasporto della membrana, gli osmoliti escono e l’acqua scorre dietro di loro.

Come la regolazione della pressione osmotica agisce sull’invecchiamento della pelle umana.

Scienziati del Manchester Academic Center for Health Sciences, hanno studiato il caso. Per fare questo, hanno raccolto due tipi di campioni di pelle da volontari giovani e anziani sani: esposti alla luce, avambraccio e nessun contatto con la luce, dai glutei.

I ricercatori hanno scoperto che, nella pelle giovane, le cellule sono più grandi (p <0,001) rispetto alla pelle vecchia, indipendentemente dal fatto che siano state esposte alla luce o meno. Inoltre, il diametro delle cellule nella vecchia pelle dell’avambraccio era più piccolo rispetto alla pelle dei glutei (p = 0,035).

Hanno misurato quindi la quantità di trasportatori di osmoliti in diversi tipi di pelle. Si è scoperto che sotto l’influenza della luce, il loro numero cambia: ad esempio, c’erano meno trasportatori di taurina nella vecchia pelle dell’avambraccio rispetto ai giovani (p <0,001), e anche meno nella vecchia pelle dell’avambraccio che nella pelle vecchio dei glutei (p = 0,011).

Per verificare se questo cambiamento nell’espressione è associato alle radiazioni ultraviolette, gli scienziati hanno acceso una lampada che simula la luce solare intensa sulla pelle dei glutei di volontari sani. Tre giorni dopo la procedura, hanno eseguito una biopsia e hanno scoperto che l’espressione dei trasportatori è diminuita, incluso il trasportatore di taurina (p = 0,0054).

Esperimento con la taurina.

Gli autori hanno suggerito che l’aggiunta di osmoliti può aiutare le cellule a tollerare più facilmente l’essiccazione. Hanno condotto un esperimento in una cultura di laboratorio di cheratinociti, cellule superficiali della pelle prelevate dai glutei di donatori sani e sottoposte a stress iperosmotico, ovvero poste in un terreno ad alta pressione osmotica.

Le cellule dei giovani donatori sono state ridotte al 75% del volume. Dopo aver aggiunto l’acqua, hanno superato l’88% del volume iniziale e, in presenza di osmoliti, fino al 92%. Anche le cellule dei principali donatori si sono contratte sotto l’influenza dello stress, quindi hanno recuperato l’84% dell’acqua e l’86% -89% in presenza di osmoliti. Inoltre, in presenza di taurina, hanno fatto molto più velocemente (p = 0,0485).

Sulla base dei loro dati, i ricercatori hanno concluso che l’invecchiamento cutaneo è anche associato a una perdita di espressione delle proteine ​​di trasporto dell’osmolita, che è rafforzata dai raggi ultravioletti.

Pertanto, una delle possibili strategie per combattere l’invecchiamento cutaneo, almeno in termini di secchezza e rughe, potrebbe essere l’aggiunta di osmoliti dall’esterno, ad esempio la taurina.

Di recente, gli scienziati hanno provato un altro modo per ringiovanire la pelle: usare la rapamicina, un candidato per “pillole per la vecchiaia”. Inoltre, i ricercatori hanno trovato un modo per curare le ferite.