L’empatia ci aiuta a riconoscere le emozioni degli animali

Anche gli animali vocalizzano prima di ringhiare o gemere in modo che possiamo capirli. Il problema è che pochissime persone sono in grado di distinguere il triste abbaiare di [...] ..

sFhSQcK

Anche gli animali vocalizzano prima di ringhiare o gemere in modo che possiamo capirli. Il problema è che pochissime persone sono in grado di distinguere il triste abbaiare di un cane, ad esempio, da un allegro abbaiare. Ma, con un po’ più di empatia, tutti potremmo distinguere le emozioni degli animali: dalla paura alla gioia. Lo dimostra un nuovo studio condotto dall’Università di Copenhagen in Danimarca. I ricercatori hanno rivelato che le persone empatiche comprendono gli animali il 50% in più rispetto alla persona media. Pertanto, possono distinguere il significato emotivo dei suoni degli animali.

Dai suoni alle emozioni

Per dimostrare la sua teoria, l’Università di Copenaghen ha condotto un esperimento con 1.024 partecipanti provenienti da 48 paesi diversi. Ciascuno ha precedentemente compilato un questionario sull’empatia basato sull’indice di reattività interpersonale, ovvero su quattro tratti fondamentali:

  1. La tendenza ad adottare i punti di vista degli altri.
  2. L’atto di provare simpatia per gli altri.
  3. La sensazione di provare angoscia quando gli altri ne hanno bisogno.
  4. Immaginandosi in situazioni fittizie.

djoit9J

I partecipanti hanno poi ascoltato varie registrazioni di animali domestici e selvatici. Alcune di queste registrazioni sono state associate a esperienze positive, come un animale che anticipa il cibo o incontra un amico, mentre altre sono state registrate quando l’animale era spaventato, sotto stress o socialmente isolato.

L’obiettivo dei ricercatori era verificare se, attraverso il suono, le persone con empatia potessero distinguere le emozioni degli animali, e lo hanno fatto. In generale, i partecipanti hanno interpretato correttamente i suoni di vari animali, da capre e maiali a cavalli e cinghiali.

Utilizzando la frequenza cardiaca degli animali domestici e i movimenti degli animali selvatici per misurare le loro emozioni, il team ha stabilito che la percentuale di risposte corrette era superiore al 50% al primo tentativo.

“Dopo aver parlato dei suoni e delle conoscenze che abbiamo sulle vocalizzazioni degli animali, i risultati migliorano. Al secondo tentativo, erano corretti per oltre il 70%”, Elodie Briefer, leader dello studio presso l’Università di Copenaghen.

Perché l’empatia ci permette di riconoscere le emozioni degli animali?

I risultati suggeriscono che l’empatia è il primo passo per imparare a identificare le emozioni degli animali.

Ma perché succede questo? Ci sono due possibili spiegazioni, o almeno così dicono i ricercatori.

Il primo postula che ciò potrebbe essere dovuto al fatto che l’eccitazione emotiva è una risposta allo stress che si conserva durante l’evoluzione nei mammiferi. Pertanto, le persone empatiche, che sono più legate a questa eccitazione, possono facilmente distinguere le emozioni dal tipo di frequenza acustica che emettono.

“Più alta è la frequenza, maggiore è lo stress. Sembra che dopotutto tutti i mammiferi abbiano un sistema emotivo condiviso” – Elodie Briefer.

Il secondo suggerisce che ciò sia dovuto al tempo condiviso con quell’animale in questione. L’empatia che sviluppiamo nei suoi confronti è così forte che possiamo sentire le sue emozioni animali.

“Per l’esperimento abbiamo usato anche suoni umani. I partecipanti erano più in sintonia con i suoni di altri esseri umani e animali domestici. Ma le persone che lavoravano nelle fattorie avevano una migliore comprensione degli animali selvatici” – Elodie Briefer.

Che cosa significa tutto questo?

ODyq7Uy

In poche parole, l’empatia può aiutarci a riconoscere le emozioni degli animali tanto quanto le emozioni umane. Tuttavia, se non sei un empatico, potresti dover trascorrere più tempo con il tuo animale domestico.

La capacità di comprendere le proprie emozioni non dipende dal genere o dal livello di istruzione, ma da quanto ci si identifica con quell’animale. È qualcosa di bidirezionale, ecco perché possono dire se abbiamo torto o no solo ascoltando il suono della nostra voce.


Riferimenti: Age, empathy, familiarity, domestication and call features enhance human perception of animal emotion expressions [fonte]