Inventata Plastica che scompare quando non ti serve più

Scopri come la nuova plastica autodigeribile offre una soluzione promettente alla crisi della plastica, combinando innovazione e sostenibilità...

Biocomposite thermoplastic polyurethanes containing evolved bacterial spores as living fillers to fa

Affrontando la crisi della plastica: il potenziale della nuova plastica autodigeribile

La nostra dipendenza dalla plastica è diventata un problema urgente che richiede soluzioni innovative. Fortunatamente, i ricercatori stanno facendo progressi significativi nello sviluppo di nuovi materiali, tra cui una plastica autodigeribile che offre una promettente soluzione alla questione della degradabilità della plastica.

La tecnologia dietro la plastica autodigeribile

Questo nuovo materiale combina poliuretano termoplastico (TPU) con batteri Bacillus subtilis, che sono stati modificati per sopravvivere alle alte temperature coinvolte nella produzione della plastica. I ricercatori hanno sottoposto le spore batteriche a livelli crescenti di calore e hanno scoperto che questi microrganismi potrebbero resistere fino a temperature di 135 gradi Celsius, necessarie per mescolare le spore batteriche con il TPU.

J6z2v2I

Processo di decomposizione

Una volta attivate con nutrienti e umidità, le spore batteriche iniziano a degradare la plastica. Ciò rende il materiale biodegradabile anche senza l’ausilio di ulteriori microbi, conferendo a questa tecnologia una notevole versatilità. In condizioni ideali di compostaggio, il 90% della plastica è scomparso in cinque mesi, indicando un tasso di decomposizione significativo.

Benefici aggiuntivi e sfide future

Oltre alla biodegradabilità, le spore batteriche conferiscono al materiale un aumento del 30% di resistenza e elasticità.

Questo potrebbe avere implicazioni positive per una vasta gamma di applicazioni, dall’elettronica all’industria automobilistica. Tuttavia, rimangono sfide da affrontare, come garantire che i batteri residui siano innocui e sperimentare nuove combinazioni di plastica e batteri per migliorare ulteriormente il processo.

Prospettive future

La ricerca su questa nuova plastica autodigeribile offre una speranza concreta nella lotta contro la crisi della plastica. Tuttavia, è solo uno dei molti passi necessari per affrontare il problema più ampio dell’inquinamento da plastica.

Altri ambiti di ricerca includono lo sviluppo di plastiche non derivanti da combustibili fossili e la produzione di materiali biodegradabili più diversificati. Il lavoro dei ricercatori è cruciale per creare un futuro in cui la plastica non rappresenti più una minaccia per l’ambiente.

La ricerca su questa innovativa plastica autodigeribile è stata recentemente pubblicata su Nature Communications, segnalando un importante passo avanti nella ricerca sulle soluzioni alla crisi della plastica.


Fonte: Biocomposite thermoplastic polyurethanes containing evolved bacterial spores as living fillers to facilitate polymer disintegration [Nature Communications]