Google Apple e Tesla chiudono gli uffici in Cina per il Coronavirus

Il virus rilevato per la prima volta nella città di Wuhan in Cina, si sta espandendo sempre più in tutto ...

Google Apple e Tesla chiudono gli uffici in Cina per il Coronavirus.

Il virus rilevato per la prima volta nella città di Wuhan in Cina, si sta espandendo sempre più in tutto il mondo e ha costretto grandi aziende come Apple, Google, Facebook e Tesla a chiudere i loro uffici, in alcuni casi fabbriche. Limitati anche i viaggi dei dipendenti al fine di prevenire possibili infezioni in altri uffici nel mondo. Finora sono stati registrati oltre 360 decessi e migliaia di persone infette da coronavirus (oltre 17 mila) in tutte le regioni della Cina.

Apple è una delle tante aziende tecnologiche a confermare la chiusura di tre dei suoi negozi in Cina, situati nelle città di Qingdao, Fuzhou e Nanchino. Ha anche dato l’ordine di annullare il viaggio del proprio personale nel Paese cinese e sta conducendo test di temperatura costanti ai tuoi collaboratori.

D’altra parte, Google ha anche annunciato la chiusura di tutti i suoi uffici nella Cina continentale, Hong Kong e Taiwan. Ha anche limitato i viaggi nel paese asiatico e ha chiesto ai dipendenti che hanno effettuato tali viaggi o hanno parenti che hanno viaggiato, di lavorare da casa per almeno 14 giorni.

Anche il nuovo stabilimento di Elon Musk, co-fondatore di Tesla, costruito in Cina, è stato costretto a chiudere i battenti per almeno 10 giorni, secondo un ordine del governo di Shanghai in cui si trova la società.

Altre società come Facebook, Toyota, Walt Disney, TikTok, LG e Honda hanno dovuto prendere una sorta di misure per prendersi cura dei propri dipendenti e fermare la diffusione del virus.

Quando riprenderanno le attività in Cina?

Nel comune di Shanghai e nelle province del Guangdong, Zhejiang e Jiangsu hanno affermato che le aziende non potranno riprendere il lavoro fino al prossimo 10 febbraio e nel caso della provincia di Hubei, dove si trova Wuhan, le restrizioni saranno estese fino al 14 febbraio.

E’ stata creata una mappa che mostra in tempo reale la diffusione del virus nel mondo. Negli ultimi rapporti, residenti e medici di Hong Kong hanno chiesto al governo di chiudere i confini con la Cina continentale e la Russia ha temporaneamente chiuso i suoi confini per impedire la diffusione del virus.