Espansione Coronavirus al di fuori della Cina e l’intensità dell’epidemia in Italia

Il numero di infezioni da coronavirus continua a crescere in Corea del Sud, Iran e Italia, mentre l’Organizzazione mondiale della ...

Espansione Coronavirus al di fuori della Cina e l'intensità dell'epidemia in Italia.

Il numero di infezioni da coronavirus continua a crescere in Corea del Sud, Iran e Italia, mentre l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha affermato che, sebbene al momento non si possa parlare di una pandemia, è “tempo di prepararsi”.

La Corea del Sud, con 800 infetti e otto morti, è il secondo posto più colpito dopo la Cina, mentre in Iran ci sono già 12 morti e 64 colpiti. In Italia ci sono più di 224 infezioni e il bilancio delle vittime è di otto. L’espansione del coronavirus al di fuori della Cina e l’intensità dell’epidemia in Italia, una delle grandi economie europee, hanno punito lunedì i mercati azionari di tutto il mondo, in particolare quello di Milano.

Il numero di contagi al di fuori della Cina, che ha già colpito 77.150 persone e 2.592 morti in Cina, è ancora basso in altri paesi ma preoccupa l’OMS, che ha annunciato lunedì che invierà missioni scientifiche in Italia e in Iran con l’intenzione di aiutare le autorità dei due paesi ad attuare le necessarie misure di contenimento.

Due settimane fa, una missione dell’OMS è arrivata in Cina per studiare l’epidemia e valutare le misure adottate dal gigante asiatico. Il capo della missione, l’epidemiologo canadese Bruce Aylward, ha dato una valutazione positiva della performance: “Non c’è dubbio che l’atteggiamento della Cina nei confronti della rapida diffusione di questo nuovo patogeno respiratorio ha cambiato il corso di quello che era, e continua essere, un’epidemia che si stava espandendo rapidamente ed era mortale”.

Aylward ha cercato di dissipare i dubbi sull’affidabilità dei dati ufficiali offerti dalla Cina: “Sul terreno ci sono molte statistiche e dati che supportano il declino (di nuovi casi). Stanno cadendo e stanno cadendo per le azioni che sono state realizzate”. Il giorno prima, il presidente cinese Xi Jinping aveva dichiarato che l’epidemia di coronavirus è la più grave crisi sanitaria che la Cina ha vissuto dalla fondazione della Repubblica popolare nel 1949.

In assenza di un vaccino, l’isolamento è stato finora il mezzo più ricorrente e rapido per fermare il contagio. In Italia, da domenica ci sono undici comunità in quarantena, dieci in Lombardia e una in Veneto, che colpisce circa 50.000 persone. È la cosiddetta “zona rossa” d’Italia, dove sono avvenuti i due focolai di contagio e ai quali sono arrivati centinaia di forze dell’ordine per monitorare le strade di accesso; la violazione di questo decreto comporterebbe multe e fino a tre mesi di reclusione.

La Commissione europea è uscita allo scoperto: “speriamo che gli Stati membri chiudano i loro confini per prevenire la diffusione del coronavirus“, ha detto il portavoce della Community Interior Adalbert Jahnz lunedì. “Quando parliamo di misure, compresi i controlli alle frontiere, dovrebbero essere basate su una valutazione del rischio credibile e prove scientifiche, dovrebbero essere fornite e prese in coordinamento con gli altri”, ha detto stamattina in una conferenza stampa, il Commissario europeo per la gestione di Crisi, Janez Lenarcic.

Turchia, Pakistan, Afghanistan, Iraq e Armenia hanno chiuso i loro confini terrestri con l’Iran, mentre altri paesi della regione come Kuwait, Oman, Giordania e Arabia Saudita hanno adottato misure per impedire l’arrivo di persone dalla Repubblica islamica.