Elon Musk sul COVID: “Sta succedendo qualcosa di estremamente falso”

L'uomo d'affari ha espresso dubbi sull'accuratezza dei test e ha denunciato che "sta accadendo qualcosa di estremamente falso"....

Il CEO di Tesla, Elon Musk, ha spiegato in un tweet di essere stato sottoposto a quattro test per covid-19 nello stesso giorno e di essere risultato positivo in due di essi. Musk ha detto che era “la stessa macchina, lo stesso test, la stessa infermiera”. L’uomo d’affari ha espresso dubbi sull’accuratezza dei test e ha denunciato che “sta accadendo qualcosa di estremamente falso”. Il tweet ha scatenato un acceso dibattito sul social network, dove alcuni utenti hanno accusato il miliardario di “irresponsabile” per il fatto di suggerire che i test covid-19 sono inaffidabili.

Elon Musk ha mostrato ancora più scetticismo sul processo di test nei successivi messaggi. Quindi, quando un netizen ha suggerito che l’apparente falso positivo di Musk illustra il motivo per cui i paesi stanno vedendo “picchi” nella malattia, il CEO di Tesla ha risposto: “Se sta accadendo a me, sta accadendo ad altri”. Ha anche indicato di aver eseguito “test PCR di laboratorio separati” e si aspetta i risultati in circa 24 ore.

Il miliardario ha anche concordato con un commento che i benefici monetari riportati dai test sono “probabilmente non falsi e [sono] molto coerenti”.

Il fondatore del produttore di auto elettriche ha spiegato che sta vivendo i sintomi di un “raffreddore tipico” e “finora niente di insolito”.

  1. Musk, 49 anni, ha apertamente criticato la risposta del governo alla diffusione del virus. A quel tempo, ha denunciato le politiche di confinamento adottate nei paesi di tutto il mondo, sostenendo che solo le persone a rischio dovrebbero essere messe in quarantena “fino a quando la tempesta non sarà passata”.
  2. Ha anche sottolineato che né lui né la sua famiglia hanno in programma di ottenere futuri vaccini contro il coronavirus una volta che saranno disponibili, e ha affermato che la risposta alla pandemia ha “diminuito la [loro] fede nell’umanità”.