Crepa nel ghiaccio dell’Antartide si è aperta a quasi 130 Km/h di velocità

Gli scienziati hanno osservato la frattura del ghiacciaio più veloce mai registrata: una crepa nel ghiaccio dell’Antartide che si è aperta a circa 129 km/h. La scoperta rivela che le [...] ..

Scioglimento Ghiacciaio Pine Island Antartide occidentale

Gli scienziati hanno osservato la frattura del ghiacciaio più veloce mai registrata: una crepa nel ghiaccio dell’Antartide che si è aperta a circa 129 km/h. La scoperta rivela che le gigantesche masse di ghiaccio possono frantumarsi come il vetro, il che potrebbe aiutare i ricercatori a comprendere meglio l’impatto dei cambiamenti climatici sulle calotte glaciali.

“Questo è, a nostra conoscenza, l’evento di apertura della spaccatura più veloce mai osservato“, ha detto in una nota Stephanie Olinger , autrice principale di un nuovo studio sul ghiacciaio e geofisica dell’Università di Stanford.

Ghiacciaio Pine Island Antartide occidentale

“Ciò dimostra che, in determinate circostanze, una piattaforma di ghiaccio può frantumarsi. Ci dice che dobbiamo prestare attenzione a questo tipo di comportamento in futuro e ci informa su come potremmo descrivere queste fratture nei modelli di calotta glaciale su larga scala”. Il nuovo studio è stato pubblicato il 5 febbraio sulla rivista AGU Advances.

La spaccatura lunga 10,5 chilometri si è aperta nel 2012 sul ghiacciaio Pine Island, nell’Antartide occidentale, una piattaforma di ghiaccio chiave che funge da tappo per la calotta glaciale più ampia, impedendole di scivolare in mare.

studio Ghiacciaio Pine Island Antartide occidentale

I glaciologi definiscono le fratture come crepe che attraversano una piattaforma di ghiaccio galleggiante e sono generalmente viste come precursori del distacco delle piattaforme di ghiaccio nell’oceano.

Per studiare la spaccatura, i ricercatori hanno combinato le osservazioni satellitari con i dati sismici prelevati dagli strumenti sulla piattaforma di ghiaccio.

A uno sguardo superficiale, ci si potrebbe aspettare che il ghiaccio fragile si frantumi, ma l’acqua di mare viscosa riempie le crepe, confondendo il quadro.

 Nel nuovo studio, gli scienziati hanno scoperto che, a differenza delle calotte glaciali più grandi che si stanno rompendo lentamente, quella di Pine Island si sta effettivamente frantumando.

La formazione della spaccatura è più simile alla rottura del vetro o al fatto che Silly Putty venga fatto a pezzi? Questa era la domanda”, ha detto Olinger. “I nostri calcoli per questo evento mostrano che è molto più simile alla rottura del vetro.” Il ghiacciaio di Pine Island e il suo vicino meridionale, il ghiacciaio Thwaites o Doomsday, sono in ritirata dagli anni ’40 e si sciolgono rapidamente dagli anni ’80.

Lo scioglimento del ghiacciaio Thwaites da solo ha contribuito a un aumento del 4% del livello globale del mare con la perdita di circa 540 miliardi di tonnellate di ghiaccio, e gli scienziati ritengono che entrambi i ghiacciai potrebbero aver già superato i punti critici per il collasso.

Il ghiacciaio di Pine Island ha una superficie di circa 162.300 chilometri quadrati e il ghiacciaio Thwaites è di 192 mila km quadrati. Se il ghiacciaio Thwaites dovesse sciogliersi completamente, il livello del mare aumenterebbe di oltre 0,6 metri. Se questo scioglimento portasse ad una più ampia destabilizzazione della calotta glaciale dell’Antartide occidentale, il livello globale del mare aumenterebbe di circa 3,4 mt.

“Le piattaforme di ghiaccio esercitano un’influenza stabilizzante davvero importante sul resto della calotta glaciale antartica. Se una piattaforma di ghiaccio si rompe, il ghiaccio del ghiacciaio dietro accelera davvero”, ha detto Olinger. “Questo processo di rifting è essenzialmente il modo in cui le piattaforme di ghiaccio antartiche fanno partorire grandi iceberg“.