Ghiacciaio “Doomsday” potrebbe sciogliersi più velocemente

Con l’aiuto di un robot sottomarino, che ha esplorato il sottosuolo del ghiacciaio, gli scienziati hanno creato una mappa delle correnti calde che minano la piattaforma di ghiaccio. Secondo [...] ..

Ghiacciaio "Doomsday" potrebbe sciogliersi più velocemente.

Con l’aiuto di un robot sottomarino, che ha esplorato il sottosuolo del ghiacciaio, gli scienziati hanno creato una mappa delle correnti calde che minano la piattaforma di ghiaccio.

Secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Science Advances, c’è motivo di pensare che il ghiacciaio Thwaites dell’Antartide, noto come il ghiacciaio “Doomsday” (Giorno del Giudizio Finale), potrebbe sciogliersi più velocemente di quanto gli scienziati avessero finora stimato.

Un robot subacqueo senza pilota, soprannominato Ran, ha esplorato il sottosuolo del ghiacciaio, sotto la piattaforma di ghiaccio, e ha misurato la temperatura, la forza, la salinità e il contenuto di ossigeno delle correnti oceaniche. Gli scienziati incaricati della ricerca hanno creato una mappa delle correnti e studiato quali trasportavano acque calde. Hanno trovato correnti di cui non sapevano nulla prima.

Alastair Graham della University of South Florida (USA):

“Alcuni canali di acqua calda che accedono e attaccano i Thwaites non ci erano noti prima delle indagini. Utilizzando i sonar di una nave, insieme alle mappe oceaniche ad altissima risoluzione fornite da Ran, siamo stati in grado di rilevare che ci sono diversi percorsi che l’acqua prende, all’interno e all’esterno della cavità della piattaforma di ghiaccio, influenzati dalla geometria del fondo oceanico”.

Scioglimento accelerato del ghiaccio

Secondo i loro calcoli, l’acqua trasporta 0,8 terawatt di calore al ghiacciaio, provocando lo scioglimento di 75 chilometri cubi di ghiaccio ogni anno. I ricercatori hanno anche espresso preoccupazione per il fatto che l’acqua calda si stia avvicinando ai punti d’appoggio del ghiacciaio. Questo può portare alla loro distruzione e quindi allo scioglimento accelerato del ghiaccio. A causa della sua posizione e forma, i Thwaites sono particolarmente sensibili alle correnti oceaniche calde e salate che si stanno facendo strada sotto l’enorme massa di ghiaccio.

Le variazioni di salinità, temperatura e contenuto di ossigeno indicano che sotto il ghiacciaio esiste un’area attiva, prima sconosciuta, dove diverse masse d’acqua si incontrano e si mescolano, importante per comprendere i processi di fusione alla loro base.

(adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})

Innalzamento del livello del mare

I ricercatori hanno evidenziato che la calotta glaciale dell’Antartide occidentale rappresenta circa il 10% dell’attuale tasso di innalzamento del livello del mare. D’altra parte, il ghiaccio in quella regione ha il maggior potenziale per aumentare questo tasso, proprio perché nel ghiacciaio Thwaites si stanno verificando i cambiamenti climatici più rapidi al mondo.

Anna Wahlin, professoressa di oceanografia presso l’Università di Göteborg, in Svezia:

“La buona notizia è che ora, per la prima volta, stiamo raccogliendo i dati necessari per modellare le dinamiche del ghiacciaio Thwaite. Questi dati ci aiuteranno a stimare meglio il futuro scioglimento del ghiaccio. Con l’aiuto della nuova tecnologia, possiamo migliorare i modelli e ridurre la grande incertezza che ora prevale sulle variazioni globali del livello del mare”.

Precedente studio

Nel 2019 gli scienziati hanno riferito che il ghiacciaio, quasi delle dimensioni della Gran Bretagna, aveva accelerato la perdita di massa negli ultimi 20 anni e ha avvertito che il suo collasso avrebbe causato un innalzamento del livello del mare di almeno 65 centimetri.

Fonte: Science Advances.