Coronavirus: Cos’è lo Tsunami Sinaptico Cerebrale causato dal COVID

Un legame tra Covid-19 e alcuni disturbi mentali sta diventando sempre più evidente. Data la sua “predilezione” per il sistema nervoso centrale, il virus rappresenta “uno tsunami sinaptico per [...] ..

Coronavirus: Cos'è il Tsunami Sinaptico Cerebrale causato dal COVID

Un legame tra Covid-19 e alcuni disturbi mentali sta diventando sempre più evidente. Data la sua “predilezione” per il sistema nervoso centrale, il virus rappresenta “uno tsunami sinaptico per il cervello e la mente” del paziente, ha affermato mercoledì scorso lo psichiatra Roberto Amón, dell’Universidad de los Andes (Cile).

“Sono sintomi che i medici vedono dall’inizio della pandemia a Wuhan, e che dopo 12 settimane lo chiamano Covid Lungo”, ha detto lo scienziato durante il seminario online “Covid-19 e i suoi effetti a lungo termine a livello cerebrale: revisione di nuovi dati”. In particolare, ha evidenziato che tra i disturbi che possono essere causati dall’infezione vi sono la psicosi, la schizofrenia, il disturbo bipolare, il disturbo delirante e la paranoia.

Coronavirus: Cos'è il Tsunami Sinaptico Cerebrale causato dal COVID

Allo stesso tempo, Amón ha sottolineato che l’influenza negativa del coronavirus sulla salute mentale dei malati corrisponde alla gravità di ciascun caso.

(adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})
“I pazienti che sono stati ricoverati o hanno avuto presentazioni più gravi sono quelli che hanno sviluppato più immagini di disturbi dell’umore e stress post-traumatico e hanno avuto un impegno più a lungo termine, mentre quelli che erano quasi asintomatici hanno avuto conseguenze più lievi”, ha detto lo psichiatra.

Coronavirus: Cos'è il Tsunami Sinaptico Cerebrale causato dal COVID

Da parte sua, un altro partecipante all’incontro, il neurologo Ricardo Allegri, del Consiglio Nazionale per la Ricerca Scientifica e Tecnica dell’Argentina (CONICET), ha evidenziato l’importanza di un recente studio di ricercatori britannici, secondo il quale una persona su tre sviluppa problemi neurologici sei mesi dopo l’infezione. “Ci apre gli occhi e ci mostra cosa dobbiamo anticipare per i prossimi mesi”, ha detto.

“È importante tenere conto delle conclusioni di questo studio di The Lancet, non solo per la diagnosi e la gestione dei casi acuti, ma per vedere come organizzeremo il sistema sanitario la prossima volta”, ha aggiunto lo scienziato.