Coronavirus: Svezia ancora senza mascherina anti-COVID

Il paese del Nord Europa non prevede di cambiare strategia nella seconda ondata di Covid-19 nonostante l'aumento dei casi di contagi....

Il principale epidemiologo svedese, Anders Tegnell, assicura che il suo paese continua a scommettere sulla stessa strategia fino ad ora, riluttante a qualsiasi tipo di restrizione, nonostante la forte incidenza della seconda ondata di covid-19.

Dall’inizio della pandemia, il governo della nazione del Nord Europa ha decretato solo misure volontarie senza quarantene e non ha mai richiesto l’uso della maschera al di fuori degli ospedali. “Continueremo su questa strada”, ha detto Tegnell. “È così che lavoriamo in Svezia, abbiamo una grande comprensione di questo e un grande rispetto delle regole”, ha aggiunto.

Nelle ultime settimane la Svezia ha registrato un aumento di morti, infezioni e ricoveri per coronavirus. Venerdì sono stati registrati 5.990 nuovi contagi, il numero più alto dall’inizio del focolaio in un Paese con una popolazione di circa 10 milioni di abitanti, mentre si sono registrati 42 nuovi decessi, il numero più alto degli ultimi tre mesi.

A differenza di molti altri paesi, la Sveza ha tenuto aperte scuole, ristoranti e altre attività durante la pandemia. Nello specifico, si è concentrato su misure volontarie volte a favorire l’allontanamento sociale e una buona igiene, come lavorare il più possibile da casa o evitare i trasporti pubblici e le attività che si svolgono in spazi chiusi con molte persone.

Questo approccio ha suscitato elogi e critiche. Da un lato, le conferenze stampa di Tegnell hanno attirato un vasto pubblico televisivo. La sua popolarità è arrivata a tal punto che alcune persone si sono tatuate il viso, mentre per le strade di Stoccolma si possono vedere persone che indossano magliette con messaggi pro-Tegnell.

Ma non tutti sono d’accordo con il principale epidemiologo svedese, che ha ricevuto diverse minacce di morte da parte di persone che lo accusavano di perseguire una “politica spericolata” in relazione alla pandemia coronavirus.

Questo venerdì un totale di 27 scienziati e medici di quel paese hanno firmato una lettera aperta pubblicata sul quotidiano Aftonbladet, in cui avvertivano che la nazione scandinava potrebbe presto avvicinare un numero di pazienti in terapia intensiva simile a quella del prima ondata. Quindi chiedono al governo di cancellare l’Agenzia sanitaria e introdurre misure più severe.

Mentre il tasso di mortalità pro capite della Svezia è inferiore a quello di paesi come la Spagna e il Regno Unito, è dieci volte quello della vicina Norvegia e quasi cinque volte quello della Danimarca. Nelle ultime due settimane, la Svezia ha registrato 484 casi ogni 100.000 persone.

Tegnell ha minimizzato le critiche, affermando che le recenti quarantene imposte in Europa, che sono state in gran parte meno rigorose di quelle in primavera, hanno dimostrato che ora c’è meno differenza nelle strategie per combattere la pandemia.

“La maggior parte dei paesi sta ora cercando di fare qualcos’altro come noi in Svezia, quasi nessuno sta chiudendo le scuole adesso”, ha osservato l’epidemiologo. “Abbiamo anche imparato molto su come formulare raccomandazioni specifiche per diverse regioni”, ha aggiunto.

La Svezia è uno dei pochi paesi in Europa che non consiglia o richiede l’uso di una maschera al di fuori degli ospedali e dei centri sanitari. “È affascinante come pochi studi ci siano su questo”, ha detto, sottolineando che “se si guardano i paesi con regole rigide per l’uso delle maschere è difficile vedere che hanno funzionato bene”.

Secondo i dati ufficiali, un totale di 6.164 persone hanno già perso la vita in Svezia a causa del covid-19. In parallelo, dall’inizio della pandemia, sono state contagiate più di 177.000 persone. Non ci sono dati sui pazienti che hanno superato la malattia.