COVID: la seconda ondata in Europa è una mutazione del Coronavirus

Il coronavirus SARS-CoV-2 che causa il Covid-19 ha centinaia di mutazioni, sebbene una delle più presenti attualmente nella seconda ondata che l’Europa sta vivendo si sia verificata prima in [...] ..

COVID: la seconda ondata in Europa è una mutazione del Coronavirus.

Il coronavirus SARS-CoV-2 che causa il Covid-19 ha centinaia di mutazioni, sebbene una delle più presenti attualmente nella seconda ondata che l’Europa sta vivendo si sia verificata prima in Spagna. E’ la conclusione alla quale è arrivato uno studio di scienziati spagnoli e svizzeri reso pubblico nelle ultime ore.

Le analisi condotte dall’Università di Basilea, dalla Scuola Politecnica Federale di Zurigo e dal consorzio spagnolo SeqCovid-Spagna, guidato dal Centro superiore per la ricerca scientifica (CSIC), concludono che la nuova variante si è diffusa in Europa e in altre regioni negli ultimi mesi dalla Spagna.

L’allentamento delle restrizioni di viaggio in estate e il fatto che la Spagna sia un’importante destinazione turistica ha facilitato l’espansione di questa variante del genoma del virus, afferma una dichiarazione dell’Università di Basilea.

Mutazione Coronacirus 20A-EU1.
(adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})

I ricercatori hanno battezzato questa mutazione “20A.EU1” e le analisi indicano la sua presenza nell’80% dei campioni analizzati dalla Spagna, nel 90% di quelli del Regno Unito e nel 30-40% degli svizzeri.

COVID: la seconda ondata in Europa è una mutazione del Coronavirus.

I ricercatori hanno affermato che la sua comparsa in Spagna, durante i mesi estivi, sarebbe stata collegata a un “evento di super diffusione legato ai lavoratori agricoli nel nord-est della Spagna”, e successivamente si è diffuso in tutta la Spagna e in una dozzina di paesi europei, registrando anche casi correlati anche a Hong Kong o in Nuova Zelanda.

Nulla indica, hanno chiarito, che questa variante del coronavirus sia più pericolosa di altre, abbia un comportamento diverso o che sia l’unica prevalente nella seconda ondata europea, dove sono state individuate altre mutazioni.