La contaminazione da microplastica è un problema crescente con effetti incerti sulla salute

L’inquinamento da microplastiche è in aumento, non solo negli oceani, nelle montagne e nell’aria, ma anche nel corpo umano. Il ricercatore francese Jean-Francois Ghiglione, del Laboratorio francese di oceanografia [...] ..

La contaminazione da microplastica è un problema crescente con effetti incerti sulla salute

L’inquinamento da microplastiche è in aumento, non solo negli oceani, nelle montagne e nell’aria, ma anche nel corpo umano. Il ricercatore francese Jean-Francois Ghiglione, del Laboratorio francese di oceanografia microbica: “10 anni fa non immaginavamo che potessero esserci così tante microplastiche invisibili ad occhio nudo e che fossero ovunque, intorno a noi”.

Ci sono sempre più studi scientifici su questo problema che rilevano la plastica negli organi umani. Sebbene gli esperti non concepissero l’idea che ciò sarebbe accaduto, ora ci sono prove di reperti nei “polmoni, milza, reni e persino nella placenta”, ha detto di recente Ghiglione in una intervista.

Ad aprile, una ricerca della Hull York School of Medicine e dell’Università di Hull (Regno Unito) ha rilevato per la prima volta tracce di questi inquinanti in profondità nei polmoni delle persone viventi sottoposte a intervento chirurgico.

Laura Sadofsky, professoressa di medicina respiratoria presso l’agenzia francese e autore principale dello studio, ha detto all’agenzia francese Hull York School: “Sappiamo che ci sono microplastiche nell’aria, sappiamo che ci circondano. La sorpresa per noi è stata la profondità a cui hanno raggiunto i polmoni e la dimensione di queste particelle“.

Un mese prima, un altro team di scienziati ha trovato per la prima volta tracce di microplastiche nel sangue dell’80% delle 22 persone incluse nella loro ricerca. I resti trovati in metà dei partecipanti corrispondevano a plastica PET, utilizzata per la fabbricazione di bottiglie, tra gli altri usi, mentre un terzo conteneva polistirolo, utilizzato per la produzione di sacchetti di plastica.

Pericolo reale o potenziale?

Ormai mangiamo plastica

Nonostante i risultati, la comunità scientifica concorda sul fatto che è ancora presto per trarre conclusioni sul reale pericolo delle microplastiche nell’uomo, poiché ci sono ancora molte domande senza risposta scientifica:

  • Le particelle sono
    trattenute nel corpo?
  • Sono trasportati a determinati organi?
  • Questi livelli sono abbastanza alti da scatenare la malattia?

Bart Koelmans, professore di ecologia acquatica e qualità dell’acqua all’Università di Wageningen (Paesi Bassi): “Se chiedi a uno scienziato se c’è un effetto negativo, lui o lei dirà: ‘Non lo so’. È potenzialmente un grosso problema, ma non abbiamo le prove scientifiche per confermare in modo definitivo quali sono gli effetti, se qualsiasi”.

Finora non ci sono studi specifici sulla tossicità nell’uomo. Tuttavia, il danno riscontrato in alcuni animali aumenta i timori riguardo alle sue conseguenze per la salute umana. “Piccole microplastiche invisibili ad occhio nudo hanno effetti dannosi su tutti gli animali che abbiamo studiato in ambiente marino o terrestre”, sottolinea a questo proposito Ghiglione. La varietà di sostanze chimiche che compongono la plastica, come coloranti, stabilizzanti e ritardanti, può influenzare la crescita, il metabolismo, la pressione sanguigna e persino la riproduzione, spiega in dettaglio.

La società del futuro circondata dall'inquinamento

Per quanto riguarda la salute umana, ci sono solo ipotesi sulla comparsa di alcune sindromi debilitanti. D’altra parte, non è escluso che, sebbene la sua presenza nell’organismo sia stata identificata solo di recente, la nostra specie ingerisce e respiri plastica da anni. In ogni caso, Ghiglione chiama ad affrontare questo problema con “cautela”, insistendo nel ridurre la produzione di imballaggi, bottiglie e altri prodotti in plastica, nonché il loro consumo.