Scienziati trovano per la prima volta la plastica nei muscoli delle tartarughe marine

L’inquinamento sta colpendo il mare a livello chimico, hanno confermato gli scienziati, dopo aver trovato alte concentrazioni di plastica nei muscoli delle tartarughe marine. I ricercatori hanno analizzato i [...] ..

Scienziati trovano per la prima volta la plastica nei muscoli delle tartarughe marine

L’inquinamento sta colpendo il mare a livello chimico, hanno confermato gli scienziati, dopo aver trovato alte concentrazioni di plastica nei muscoli delle tartarughe marine. I ricercatori hanno analizzato i resti di 44 tartarughe trovate rinvenute morte sulle coste della Spagna orientale trovando tracce di plastica in ognuna di esse. Gli animali marini come le tartarughe marine spesso cadono in fallo sulle reti da pesca, sui rifiuti negli oceani e su altre materie plastiche che possono finire per mangiare, spesso con risultati fatali.

Le tartarughe marine caretta sono elencate come “a rischio di estinzione” nella Lista Rossa dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura.

Il team ha analizzato 19 additivi utilizzati nella plastica che sono noti per interrompere il sistema endocrino di regolazione degli ormoni, sono neurotossici o addirittura cancerogeni. Questi includono composti organofosforici, o OPC, che vengono aggiunti alla plastica per migliorare le loro proprietà ritardanti di fiamma e sono stati trovati in tutte le tartarughe.

L’analisi ha rivelato la presenza di plastica in tutte le tartarughe, con concentrazioni comprese tra 6 e 100 nanogrammi per grammo di muscolo. Questi livelli sono simili a quelli trovati in studi precedenti su OPC come il bifenile policlorurato o il diclorodifeniltricloroetano, comunemente noto come DDT, che, come osserva la dottoressa Ethel Eljarrat, “è stato vietato anni fa perché tossico”.

“Quando si mangiano volontariamente i rifiuti marini, spesso li mescolano con cibo vero come le meduse”, ha detto il biologo Luis Cardona dell’Università di Barcellona.

“Le tartarughe sono uno dei gruppi di animali più esposti alla contaminazione da additivi plastici, anche se non ne comprendiamo ancora appieno il reale impatto”.

La dottoressa Ethel Eljarrat ha anche affermato che i composti plastici che hanno rilevato potrebbero influenzare la fertilità della tartaruga e sono stati collegati a casi di cancro nei rettili marini.

“L’effetto tossico non è acuto, ma una tossicità cronica”, ha detto a Real Press. “Il fatto che siano esposti quotidianamente a questi contaminanti potrebbe causare problemi per tutta la loro vita”.

Inoltre, le tartarughe marine caretta possono essere più sensibili agli additivi chimici legati alla plastica rispetto ad altre creature marine. Ad esempio, quando le balene filtrano l’acqua, assorbono microplastiche, ma i livelli di contaminanti nelle microplastiche sono inferiori alle macroplastiche assorbite dalle tartarughe.

Se le tartarughe soffrono di questi effetti, è ovvio che anche gli esseri umani potrebbero essere esposti, ha anche avvertito la dottoressa Ethel Eljarrat. “Stiamo incorporando questi composti nella nostra dieta attraverso il pesce e nell’aria mentre respiriamo, quindi li assorbiamo e, a seconda di ciascuno di noi, il nostro organismo e il nostro metabolismo possono essere influenzati prima o poi”.

I risultati completi dello studio sono stati pubblicati su Environmental Pollution, una rivista internazionale peer-reviewed che pubblica documenti di ricerca di alta qualità e articoli di revisione su tutti gli aspetti dell’inquinamento ambientale e dei suoi effetti sugli ecosistemi e sulla salute umana.