Plastica in Mare anche a 10 mila metri di profondità

L’oceanologo filippino Deo Florence Onda e il suo collega americano Victor Vescovo, di Caladan Oceanic, un’organizzazione privata dedita al progresso della tecnologia subacquea, hanno effettuato il primo viaggio nella [...] ..

Plastica in Mare anche a 10 mila metri di profondità

L’oceanologo filippino Deo Florence Onda e il suo collega americano Victor Vescovo, di Caladan Oceanic, un’organizzazione privata dedita al progresso della tecnologia subacquea, hanno effettuato il primo viaggio nella terza fossa oceanica più profonda della Terra alla fine di marzo e, per il loro sgomento, hanno trovato plastica e spazzatura.

A bordo di un piccolo DSV Limiting Factor (nella foto di copertina), sviluppato dalla compagnia americana Triton Submarines, gli specialisti sono scesi nel punto più profondo della fossa filippina, chiamata Galathea, a più di 10.000 metri. Per 12 ore sono scesi a esplorare la fossa, mossi dal desiderio di contemplare gli esseri viventi che la abitavano.

“Quando stavamo per raggiungere il fondo, mi aspettavo di vedere cose spaventose strisciare o intrufolarsi o sbirciare fuori dalle finestre”, ricorda Onda parlando a Channel News Asia. Tuttavia, l’orrore era causato da qualcosa di molto più familiare, qualcosa che era arrivato anche qui dalla superficie.

Trovata plastica enlla Fossa Galathea nelle Filippine

«L’unica cosa insolita sullo sfondo era la spazzatura.

(adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})
C’era molta spazzatura nella fossa. C’erano molte materie plastiche, un paio di pantaloni, una maglietta, un orsacchiotto, imballaggi e molti sacchetti di plastica “, spiega lo specialista. “Nemmeno io me lo aspettavo e faccio ricerca sulla plastica”, ha aggiunto il ricercatore dell’Istituto di scienze marine dell’Università delle Filippine.

La principale ricerca di Onda si concentra sul ciclo di vita e sul ruolo dei microrganismi, come il fitoplancton, che aiutano a produrre ossigeno e sono tra i principali motori dell’accumulo di energia e biomassa nell’ecosistema marino.

 

Gli scienziati ammettono che sono ancora necessarie ulteriori ricerche per scoprire come i rifiuti raggiungano le profondità più remote, attraverso diverse densità di acqua e su grandi distanze.

“Diventa mia responsabilità dire alle persone che la loro spazzatura non sta dove l’hanno messa. Se ne va e affonderà”, sottolinea Onda.