Scioglimento ghiaccio accelerato in Groenlandia accende allarmi degli scienziati

La Groenlandia ha perso due miliardi di tonnellate di ghiaccio in un giorno la settimana scorsa. Qualcosa di assolutamente insolito ...

Scioglimento ghiaccio accelerato in Groenlandia accende allarmi degli scienziati.

La Groenlandia ha perso due miliardi di tonnellate di ghiaccio in un giorno la settimana scorsa. Qualcosa di assolutamente insolito e inquietante. Il fatto però ha dei precedenti. Quest’anno, la stagione del disgelo è iniziata il 30 aprile, la seconda dal 1980, secondo l’Istituto meteorologico di Danimarca.

Più del 40% della Groenlandia ha subito un enorme scioglimento.

Sebbene la Groenlandia sia una grande isola piena di un sacco di ghiaccio, è molto raro perdere così tanto ghiaccio a metà giugno. La “stagione di fusione” o la stagione media di fusione per la Groenlandia si estende da giugno ad agosto e gran parte dello scioglimento avviene a luglio.

Per capire di quanto ghiaccio stiamo parlando, immaginate di riempire il National Mall a Washington DC con abbastanza ghiaccio per raggiungere un punto nel cielo otto volte più alto del Washington Monument (per fare un’analogia a Meredith Nettles della Columbia University che ha dato nel Washington Post).

L’improvviso aumento della fusione “è insolito, ma non senza precedenti”, secondo Thomas Mote, ricercatore dell’Università della Georgia che studia il clima della Groenlandia. “È paragonabile ad alcuni estremi che abbiamo visto nel giugno 2012”, ha detto Mote alla CNN, riferendosi all’anno della fusione che ha segnato il record del 2012 arrivando a scioglierre la calotta di ghiaccio per la prima volta nella storia.

Questa fusione avvenuto così presto in estate, potrebbe essere un brutto segno. Le previsioni adesso si spingono sul fatto che il 2019 potrebbe ancora una volta stabilire il record per la quantità di perdita di ghiaccio in Groenlandia.

Mote ha spiegato come la neve e il ghiaccio si sciolgono dalla calotta glaciale della Groenlandia, soprattutto all’inizio della stagione, il che rende più facile lo scioglimento addizionale che si verificherà più tardi in estate.

La neve e il ghiaccio bianco, che sono luminosi e riflettono i raggi del sole nello spazio, riducono la quantità di calore che viene assorbita e aiutano a mantenere la calotta ghiacciata (un processo noto come “albedo“).

“Questi eventi di eventi di fusione provocano un cambiamento nell’albedo della superficie”, che consentirà di assorbire la maggior parte del calore del sole estivo nel ghiaccio e scioglierlo.

Cosa sta causando l’improvviso scioglimento?

Secondo Mote, un modello meteorologico persistente ha posto le basi per il picco attuale della fusione. “Avevamo una cresta di blocco che è stata ancorata alla Groenlandia orientale per gran parte della primavera, che ha portato ad una fusione in aprile, e questo schema è persistito”.

Quella cresta ad alta pressione disegna l’aria calda e umida dell’Atlantico centrale in parti della Groenlandia, portando a temperature più calde sul ghiaccio. L’alta pressione impedisce anche la formazione di precipitazioni e porta a cielo sereno e soleggiato.

Durante l’ultima settimana o due, quella cresta di alta pressione è diventata ancora più forte quando un altro fronte di alta pressione si è spostato dagli Stati Uniti orientali: quello che ha causato il prolungato periodo caldo e secco nel sudest all’inizio di questo mese.

Mote ha sottolineato che fino a poco tempo fa questi fenomeni erano sconosciuti. “Abbiamo visto una sequenza di queste grandi stagioni di fusione, a partire dal 2007, che non avrebbe avuto precedenti”. Conclude affermando: “non abbiamo visto nulla di simile prima della fine degli anni ’90. La Groenlandia ha contribuito sempre più all’aumento globale del livello del mare negli ultimi due decenni. La fusione e il deflusso superficiale sono una parte importante di questo fenomeno”.