Nuovo e gigantesco cratere scoperto sotto il fitto ghiaccio della Groenlandia

Nel novembre dello scorso anno, un team internazionale di scienziati ha pubblicato uno studio in cui riportava la scoperta di un [...]


Nuovo e gigantesco cratere scoperto sotto il fitto ghiaccio della Groenlandia.

Nel novembre dello scorso anno, un team internazionale di scienziati ha pubblicato uno studio in cui riportava la scoperta di un enorme impatto di un meteorite sotto il ghiaccio della Groenlandia. Ora, tre mesi dopo e oltre le aspettative di molti, un altro studio annuncia la scoperta di un nuovo cratere situato a 183 chilometri dal primo.

Joseph MacGregor, un glaciologo del Goddard Space Flight Center della NASA, faceva parte della squadra che ha scoperto il primo cratere: Hiawatha. Nel 2016, quando il team stava ancora conducendo ricerche per pubblicare il primo studio, McGregor stava già cercando un altro nuovo cratere; tuttavia, trovarne uno così presto fu del tutto inaspettato. I risultati sono stati pubblicati in Geophysical Research Letters.

Il nuovo cratere ha un’estensione di circa 36 km, che lo rende il ventiduesimo più grande mai scoperto sulla Terra. In confronto, la Hiawatha ha un’estensione di 31 chilometri.

In relazione alla profondità in cui si trovano, il nuovo cratere scoperto è sepolto sotto 2 chilometri di ghiaccio. L’Hiawatha, d’altra parte, ha una profondità di 930 metri. Entrambi i crateri si trovano nella zona nord-orientale della Groenlandia.

Determinare l’età di questo nuovo cratere è un compito difficile. Il più vecchio strato di ghiaccio su questo risale a quasi 79.000 anni fa; ma il ghiaccio scorre, quindi non è un indicatore molto significativo. Il team suggerisce che questo cratere sarebbe tra 100 milioni e 100.000 anni dopo aver stimato la sua età dal suo tasso di erosione.

Com’è stato localizzato il cratere?

Per trovare il cratere, il team di ricerca ha dovuto utilizzare le immagini satellitari dei ghiacciai della Groenlandia e i dati radar raccolti dagli aerei. Questi ultimi sono molto utili perché le onde radar colpiscono la roccia sotterranea e ritornano, permettendo di sapere cosa c’è attraverso il ghiaccio.

Leggi  Embrione umano su chip per sperimentare nuovi farmaci e trapianti

Gli altri dati provengono da satelliti come il Terra e Aqua della NASA, e il programma di ricognizione aerea IceBridge. È importante ricordare che tutti questi dati sono disponibili pubblicamente, quindi “chiunque avrebbe potuto trovarlo”, come dice MacGregor.