Il tempo passa velocemente? La risposta nel cervello

La neuroscienza spiega perché il tempo passa più velocemente e quanto lentamente: dipende dalle attività della tua vita. Man mano ...

Il tempo passa velocemente? La risposta nel cervello.

La neuroscienza spiega perché il tempo passa più velocemente e quanto lentamente: dipende dalle attività della tua vita. Man mano che cresciamo sembra che il tempo passi più veloce e che la giornata non sia sufficiente per svolgere tutte le attività che vorremmo. Ma è un dato di fatto, questa impressione è proprio questa: una prospettiva. Recentemente, la neuroscienza ha rivelato ciò che sta accadendo nel nostro cervello e perché la complessa mente umana crede che il tempo sia relativo.

Il neuroscienziato David Eagleman ha deciso di indagare sulla percezione del tempo da una caduta libera che ha sofferto da bambino in cui si sentiva al rallentatore. Questa discesa fortuita è stata sufficiente per riconoscere che il cervello umano è responsabile per ogni persona di comprendere e percepire il tempo in modo diverso.

Perché il tempo passa più velocemente?

David ha deciso di spiegare, in un breve video per la BBC (lo trovi alla fine dell’articolo), che questo non dipende dalla velocità del tempo, ma dell’accumulo di ricordi nel cervello e delle nuove esperienze che possiamo vivere.

Quando siamo bambini, il nostro cervello è praticamente nuovo e pronto per imparare, ricevere quante più informazioni e ricordi possibili. Durante l’infanzia impariamo e sperimentiamo cose nuove quasi tutto il tempo. Il cervello quindi spende più energia per capire cosa sta succedendo perché è qualcosa che non riconosce.

La complessa mente umana crede che il tempo sia relativo.

Il cervello costruisce la memoria degli anni, in modo che quando cresci e vedi qualcosa, la tua mente lo ricorda e il cervello non deve lavorare oltre il dovuto.

Questo è il motivo per cui quando cresciamo (con l’avanzare dell’età) i ricordi si accumulano nella mente. Ecco che il cervello non ha bisogno di vivere tutto lentamente perché le informazioni sono già immagazzinate.

La sensazione che il tempo passi molto velocemente è perché hai fatto le stesse attività per anni. Quindi sembra che la velocità delle ore aumenti perché il tuo cervello non è impegnato a imparare qualcosa di nuovo (che richiederebbe più tempo per lavorare).

Come posso fermare il tempo?

Il modo più semplice per controllare il tempo è vivere ogni giorno nuove esperienze. Per esempio: cambiare l’orologio, prendere un’altra strada per andare a lavorare, imparare a suonare uno strumento o guardare nuovi film.

Fai attività che richiedono più tempo al tuo cervello per spendere più energia e sfruttare ogni minuto della giornata in qualcosa che ritieni produttivo.