Sud America respira il fuoco dell’Amazzonia

La grande quantità di fumo causata dagli scoppi di incendi che colpiscono l’Amazzonia, specialmente in Brasile, inizia lentamente a raggiungere il cielo dei paesi non amazzonici della regione e ad ...

Sud America respira il fuoco dell'Amazzonia.

La grande quantità di fumo causata dagli scoppi di incendi che colpiscono l’Amazzonia, specialmente in Brasile, inizia lentamente a raggiungere il cielo dei paesi non amazzonici della regione e ad avvisare i loro servizi meteorologici.

Dirigendosi a sud del continente, il fumo continua il suo corso verso la provincia di Buenos Aires, al centro del territorio argentino. “Stiamo monitorando l’ingresso del fumo rilasciato dagli incendi del Gran Chaco e dell’Amazzonia”, ha riferito il Sistema meteorologico nazionale argentino il 24 agosto, quando la sua presenza è stata registrata per la prima volta.

L’agenzia ha indicato che esistono “più di 50 mila focolai attivi tra Brasile, Bolivia, Paraguay e Argentina” e ha spiegato che “la maggior parte della concentrazione di fumo sarà a livelli superiori a 1000 / 1500 metri sul livello del mare”. Tuttavia, ha avvertito che “è possibile che parte del fumo possa essere depositato in strati vicini alla superficie, a basse concentrazioni e causare una diminuzione della visibilità”.

L’Istituto uruguaiano di meteorologia, d’altra parte, ha chiarito che la diffusione del fumo è dovuta al “flusso di jet degli strati inferiori del Sud America” ​​che lo sposta “dalla regione in cui si verificano gli incendi ad altre aree, raggiungendo i paesi dal sud del continente ”.

L’autorità meteorologica uruguaiana ha anche riferito che l’Uruguay era già stato colpito dal fumo amazzonico nella prima metà di agosto. A quel tempo, rimase per diversi giorni “come un velo grigiastro”.

Anche il governo del Perù ha dovuto informare la sua popolazione sulla preoccupazione che gli incendi suscitano nella foresta pluviale amazzonica. Prima dell’arrivo del fumo nel territorio, il 23 agosto il Ministero dell’Ambiente ha installato un’apparecchiatura di misurazione della qualità dell’aria a Iñapari, la capitale della provincia di Tahuamanu, una delle tre che compongono il dipartimento di Madre de Dios, al confine con il Brasile.

Secondo il governo peruviano, i risultati hanno mostrato che “le concentrazioni di materiale in particelle grossolane e fini non superano i valori stabiliti negli standard di qualità ambientale”. Allo stesso modo, il portafoglio ambientale ha assicurato che i valori che superavano i regolamenti “erano puntuali e non sono rimasti costanti durante le 24 ore della misurazione”.

Il Paraguay, nel frattempo, non solo subisce le conseguenze del fumo amazzonico, ma combatte anche un grande incendio nell’area del Pantanal Paraguayan, un vasto territorio di zone umide e riserve ecologiche che il Paraguay condivide con Bolivia e Brasile. A loro volta, anche i governi di Colombia, Venezuela ed Ecuador si concentrano sulla lotta e sulla prevenzione di nuovi focolai nei loro territori amazzonici.

Naturalmente, le piattaforme tecnologiche e i social network spesso anticipano gli allarmi meteorologici del governo.

Oltre a fotografie e video di ciò che sta accadendo in diverse regioni dell’Amazzonia, è stata anche viralizzata una mappa dell’applicazione Windy che consente di monitorare la concentrazione di anidride carbonica in Sud America in tempo reale.