Soffrendo in Silenzio: Cambiamenti climatici hanno causato 10 crisi umanitarie nel 2018

Ogni giorno i media riempiono le loro pagine di notizie sui disastri causati dai cambiamenti climatici. Molti di questi accadono negli...

Soffrendo in Silenzio: Cambiamenti climatici hanno causato 10 crisi umanitarie nel 2018.

Ogni giorno i media riempiono le loro pagine di notizie sui disastri causati dai cambiamenti climatici. Molti di questi accadono negli Stati Uniti, in Russia e altri in Australia. Tuttavia, un’analisi di oltre un milione di notizie online suggerisce che potremmo non aver prestato un’adeguata attenzione a tutti i disastri allo stesso modo.

L’organizzazione umanitaria internazionale CARE ha appena lanciato un rapporto, intitolato “Soffrendo in silenzio“, che evidenzia le dieci crisi umanitarie meno segnalate nel 2018. In questo modo, paesi come Haiti, Etiopia e Madagascar sono stati le principali vittime delle più grandi crisi alimentari e condizioni climatiche sfavorevoli l’anno scorso. Tuttavia, nessuna delle crisi ha ricevuto una copertura mediatica adeguata dai media internazionali.

“La copertura dei media è sempre stata un forte motore per finanziare le crisi, così come la creazione di pressione politica per proteggere i bisognosi”, afferma Caroline Kende-Robb, Segretario Generale di CARE International. Inoltre, aggiunge che con la diminuzione di questa copertura, le crisi non dichiarate cadono nel rischio di essere completamente “fuori dal radar“.

Questi non sono gli unici paesi che sono stati ignorati dai media. L’elenco comprende anche la Repubblica Democratica del Congo, le Filippine, il Ciad, la Nigeria, la Repubblica Centrafricana e il Sudan.

Cambiamento climatico

Sven Harmeling, leader dei cambiamenti climatici presso CARE International, ha affermato che “non solo le persone che vivono nei paesi più poveri del mondo sono più vulnerabili ai cambiamenti climatici, ma sono anche meno equipaggiate per far fronte al loro crescente impatto”. Inoltre, Harmeling ha sottolineato che i media non devono chiudere un occhio su tali crisi.

Asad Rehman, direttore esecutivo di War on Want, un ente di beneficenza contro la povertà, è stato molto più diretto per quanto riguarda questo grande problema e ha accusato un “rapporto sui cambiamenti climatici che preferisce le immagini degli orsi polari che stiamo uccidendo con la nostra inazione”.

Secondo The Guardian, Rehman ha anche aggiunto quanto segue: “Sfortunatamente, le persone che vengono uccise ogni giorno dalla crisi climatica sono le meno responsabili. Diventano volutamente invisibili perché la vita delle persone con la pelle nera e marrone non ha importanza”.


Scritto da Redazione Breaking News, Aggiornato a sabato 23 Febbraio 2019, Pubblicato in Attualità