I bambini ricchi dimagriscono, quelli poveri ingrassano, perchè?

La povertà è stata associata a malnutrizione e magrezza, ma un nuovo studio ha confermato un importante cambiamento in questa tendenza. [...]

I bambini ricchi dimagriscono, quelli poveri ingrassano, perchè?

La povertà è stata associata a malnutrizione e magrezza, ma un nuovo studio ha confermato un importante cambiamento in questa tendenza.

Il problema dell’obesità ha origine nella disuguaglianza. Sebbene sia alimentato dalle abitudini quotidiane, la radice di questo disturbo è nel livello socioeconomico a cui appartiene. Tradizionalmente, la povertà è stata associata a malnutrizione e magrezza, ma un nuovo studio ha confermato un importante cambiamento in questa tendenza.

L’obesità infantile è diventata un problema di salute pubblica globale che colpisce già oltre 120 milioni di bambini in tutto il mondo. Secondo i dati della ricerca dell’University College di Londra, che confrontava i bambini di oggi con quelli nati tra il 1940 e il 1970, il numero di giovani tra i 5 e i 19 anni con obesità in tutto il mondo è aumentato di dieci volte volte negli ultimi 4 decenni.

Dalla carenza all’eccesso di cattiva alimentazione

Secondo i risultati dell’analisi di un caso di studio pubblicato da The Economist, mentre i bambini ricchi perdono peso, i poveri ingrassano. La comunità di Camberwell Green concentra i bambini più grassi in Inghilterra. Lì, metà dei bambini tra i 10 e gli 11 sono in sovrappeso o obesi.

Al contrario, nel Dulwich Village, dove il reddito delle famiglie è doppio, solo 1/5 dei bambini si trovano in quella categoria, uno dei livelli più bassi del paese. Uno degli autori di questa ricerca, Majid Ezzati, spiega:

“La transizione dal peso ridotto al sovrappeso e all’obesità può avvenire rapidamente a causa di una transizione nutrizionale insalubre, con un aumento degli alimenti densi di sostanze nutritive e densi di energia”.

I bambini poveri del Regno Unito sono ora più grassi dei ricchi, il che mostra un’inversione totale del peso comparato delle due classi sociali negli ultimi 70 anni.

Leggi  Embrione umano su chip per sperimentare nuovi farmaci e trapianti

È necessario ridurre al minimo il cibo sano

I risultati hanno un senso. I genitori preoccupati di pagare l’affitto e di mantenere l’elettricità sono meno propensi a cucinare un pasto sano, quindi, se vuoi risolvere il problema dell’obesità, devi prima risolvere il problema della disuguaglianza.

Secondo lo studio, nel periodo tra il 2002 e il 2012 alimenti più nutrienti, come verdure e carni non trasformate, erano più costosi di cibi malsani, come pizze e hamburger, e il divario di prezzo è cresciuto ogni anno intorno a $ 0,13 USD per ogni 1.000 calorie. Tuttavia, puoi fare un esempio da seguire, quello dei paesi nordici:

“Hanno molto più potere d’acquisto e sono anche molto protezionisti in termini di pubblicità. Nessun bambino può vedere il cibo spazzatura in TV. Il risultato? Hanno i più bassi tassi di obesità infantile in Europa”.

Quindi, un futuro migliore è possibile, ma non si può prendere l’obesità come un caso isolato basato sulle abitudini; il problema alla radice deve essere attaccato, e ciò parte dai governi e da una regolamentazione dell’economia e dell’educazione che favorisce i cittadini.