Scienziati scoprono un “nuovo mondo nascosto” nel cuore della Terra

I ricercatori dell’Istituto di Geofisica e Planetologia delle Hawaii (USA) e dell’Agenzia per la scienza e la tecnologia marino-terrestre (Giappone) hanno pubblicato uno studio sulla rivista Physics of the [...] ..

Scienziati scoprono un "nuovo mondo nascosto" nel cuore della Terra

I ricercatori dell’Istituto di Geofisica e Planetologia delle Hawaii (USA) e dell’Agenzia per la scienza e la tecnologia marino-terrestre (Giappone) hanno pubblicato uno studio sulla rivista Physics of the Earth and Planetary Interiors a settembre in cui suggeriscono che il nucleo interno della Terra non è completamente solido (come si crede da più di mezzo secolo), ma la sua fermezza varia dal metallo duro al semi-morbido e persino allo stato liquido.

“Più la guardiamo, più ci rendiamo conto che non è una noiosa palla di ferro”, ha detto Jessica Irving, sismologa dell’Università di Bristol, nel Regno Unito, che non è stata coinvolta nello studio. “Stiamo scoprendo un mondo nascosto completamente nuovo”.

Irving spiega che, raccogliendo dati dalle onde sismiche generate dai terremoti, i geofisici possono creare un’immagine del funzionamento interno del pianeta in un modo “simile a una TAC di una persona”.

Esistono due tipi principali di onde: onde di compressione rettilinee e onde ondulate di taglio.

Ogni onda può viaggiare da un’estremità all’altra della Terra e, a seconda del materiale attraverso il quale passa, la sua velocità e direzione variano.

Rhett Butler, uno degli autori del nuovo studio, ha analizzato le onde sismiche create da grandi terremoti che hanno attraversato il nucleo terrestre. Butler ha notato che le onde ondulate di taglio, che avrebbero dovuto passare attraverso una solida sfera di metallo, sono state deviate in alcune aree, il che potrebbe significare solo una cosa: che il nucleo del pianeta non è del tutto solido, ma ha pezzi di liquido e “morbido” ferro vicino alla sua superficie.

“Osserviamo molti dettagli all’interno del nucleo interno che non abbiamo visto prima”, ha detto Butler.

Questa ricerca potrebbe potenzialmente rivoluzionare il nostro apprezzamento del campo magnetico terrestre, poiché è modificato dal nucleo interno e, secondo gli autori dello studio, una comprensione più profonda di tale nucleo è essenziale per comprendere la relazione tra l’interno di un pianeta e la sua attività magnetica.