Resistenza agli Antibiotici uccide più dell’AIDS e della Malaria

Un gruppo di scienziati assicura che la resistenza antimicrobica (AMR) è diventata una delle principali cause di morte in tutto il mondo, poiché ogni anno provoca la morte di [...] ..

Resistenza agli Antibiotici uccide più dell'AIDS e della Malaria

Un gruppo di scienziati assicura che la resistenza antimicrobica (AMR) è diventata una delle principali cause di morte in tutto il mondo, poiché ogni anno provoca la morte di milioni di persone, secondo un articolo pubblicato giovedì sulla rivista medica The Lancet.

Il documento indica che, nel solo 2019, le infezioni batteriche resistenti agli antibiotici sono state direttamente responsabili di circa 1,27 milioni di decessi, ovvero circa 3.500 persone al giorno. Indica inoltre che sono associati a circa 4,95 milioni di decessi annuali.

Gli autori della ricerca sottolineano che l’AMR sta causando più morti del virus dell’immunodeficienza umana (HIV) e della malaria. Si stima che nel 2019 circa 860.000 e 640.000 persone, rispettivamente, siano morte a causa di queste patologie.

Il documento indica che, nel solo 2019, le infezioni batteriche resistenti agli antibiotici sono state direttamente responsabili di circa 1,27 milioni di decessi, ovvero circa 3.500 persone al giorno. Indica inoltre che sono associati a circa 4,95 milioni di decessi annuali.

Gli autori della ricerca sottolineano che l’AMR sta causando più morti del virus dell’immunodeficienza umana (HIV) e della malaria. Si stima che nel 2019 circa 860.000 e 640.000 persone, rispettivamente, siano morte a causa di queste patologie.

Dobbiamo agire ora

L’articolo scientifico, che include dati relativi a 23 agenti patogeni e 88 combinazioni di agenti patogeni e farmaci in 204 paesi e territori nel 2019, sostiene che centinaia di migliaia di decessi si verificano a causa di infezioni comuni precedentemente curabili perché i batteri che le causano sono diventati resistenti al trattamento in questione.

“Questi nuovi dati rivelano la reale portata della resistenza antimicrobica in tutto il mondo e sono un chiaro segnale che dobbiamo agire ora per combattere la minaccia”, ha affermato Chris Murray, professore presso l’Institute for Health Metrics and Evaluation dell’Università di Washington e coautore dello studio.

A suo avviso, sfruttare queste informazioni è necessario per correggere la linea d’azione e guidare l’innovazione se l’umanità vuole rimanere all’avanguardia nella corsa contro la resistenza antimicrobica.

Azioni immediate

Inoltre, l’articolo evidenzia che mentre la resistenza antimicrobica rappresenta una minaccia per le persone di tutte le età, i bambini piccoli sono risultati particolarmente a rischio, con un decesso su cinque attribuibile alla resistenza antimicrobica nei

bambini di età inferiore ai cinque anni.

A livello regionale, il documento afferma che il numero di decessi direttamente causati dall’AMR è più elevato nell’Africa subsahariana e nel sud-est asiatico, con rispettivamente 24 e 22 decessi ogni 100.000 abitanti. Nel frattempo, nei paesi ad alto reddito è stato responsabile di 13 morti ogni 100.000 persone.

Di fronte a questi dati, gli scienziati sottolineano l’urgente necessità di aumentare le misure per combattere la resistenza antimicrobica e descrivono una serie di azioni immediate per i responsabili politici che, assicurano, aiuterebbero a salvare vite e proteggere i sistemi sanitari globali, ad esempio ottimizzando l’uso di antibiotici o fornendo più fondi per sviluppare nuovi antibiotici e trattamenti.