Esiste una relazione tra Eruzioni Vulcaniche e Uragani

Quando si tratta di sistemi meteorologici che controllano la pioggia in tutto il pianeta, nulla accade in isolamento, tutto si adatta...

Esiste una relazione tra Eruzioni Vulcaniche e Uragani.

Quando si tratta di sistemi meteorologici che controllano la pioggia in tutto il pianeta, nulla accade in isolamento, tutto si adatta a tutto il resto. Adesso, per la prima volta, gli scienziati hanno spiegato come le eruzioni vulcaniche possono influenzare la formazione degli uragani.

La ricerca su questo meccanismo è stata finora complicata, perché nell’era delle sofisticate apparecchiature di monitoraggio, le più grandi eruzioni vulcaniche hanno coinciso con i periodi di El Niño-Southern Oscillation, che hanno causato più uragani.

Per risolvere questa mancanza di dati del mondo reale, gli scienziati si sono rivolti a modelli computerizzati dettagliati per osservare come gli eventi di eruzione potrebbero influenzare la formazione di uragani in tutto il mondo.

I modelli trovati possono influenzare l’intensità degli uragani e la loro frequenza.

“Questo è il primo studio che spiega il meccanismo di come le grandi eruzioni vulcaniche influenzino gli uragani in tutto il mondo“, ha detto uno dei ricercatori, Suzana Camargo, della Columbia University di New York.

In particolare, le grandi eruzioni vulcaniche nelle regioni tropicali possono modificare la zona di convergenza intertropicale (ITCZ), un punto in cui gli alisei dal nordest e dal sudest convergono. Sono conosciuti come stasi o ‘calmo’ nella navigazione.

ITCZ gioca un ruolo importante nella frequenza e nella forza dei temporali, che è il punto in cui entra in gioco il legame tra vulcani e uragani. Mentre cambia ITCZ, seguono gli uragani (e i monsoni).

Ad esempio, se una grande eruzione vulcanica si verifica nelle regioni tropicali dell’emisfero settentrionale, ciò causerebbe l’ITCZ a spostarsi verso sud, portando con sé l’attività dell’uragano.

Effetti possono avvertiti fino a quattro anni dopo.

Queste eruzioni su larga scala non cambiano il livello globale dell’attività degli uragani e di altri cicloni tropicali, in base ai dati, cambiano solo dove si sta svolgendo quell’attività. Tuttavia, i cambiamenti nella temperatura della superficie del mare influenzati dall’attività vulcanica in cui è stato riscontrato che non hanno alcun effetto, a seconda dei modelli.

Mentre il mondo si riscalda, abbiamo bisogno di quante più informazioni possibili per capire come si combinano tutti questi eventi meteorologici.

Molte ricerche precedenti hanno analizzato il modo in cui i vulcani possono oscurare il cielo, ma quest’ultimo studio è utile per mostrare la loro relazione con altri fenomeni meteorologici estremi.

Prevedere gli uragani rimane un business notoriamente complicato, con un numero quasi infinito di fattori coinvolti. Quello che sappiamo è che queste enormi tempeste possono avere un impatto significativo su persone, animali e proprietà sulla loro strada.

Ora gli scienziati hanno l’opportunità di testare questi modelli di dati con le informazioni ottenute nel mondo reale nei prossimi anni. Più dati possiamo catturare, migliori saranno i nostri modelli climatici.

“I risultati di questo studio forniscono la base per una ricerca futura che consente una comprensione completa della risposta del ciclone tropicale alle eruzioni vulcaniche e proiezioni avanzate della risposta climatica a breve termine all’eruzione vulcanica”, concludono i ricercatori. La ricerca è stata pubblicata su PNAS.

Nota: la foto di copertina è una illustrazione creata a computer.


Scritto da Redazione Breaking News, Aggiornato a lunedì 8 Aprile 2019, Pubblicato in Scienza