Prodotti chimici onnipresenti che distruggono la salute, l’agricoltura e la vita negli oceani

Il riciclo di contenitori di carta e stoviglie rivestiti con i cosiddetti tensioattivi fluorurati che respingono acqua e olio crea una sfida ambientale paragonabile al problema delle microplastiche sparse [...] ..

Prodotti chimici onnipresenti che distruggono la salute, l'agricoltura e la vita negli oceani

Il riciclo di contenitori di carta e stoviglie rivestiti con i cosiddetti tensioattivi fluorurati che respingono acqua e olio crea una sfida ambientale paragonabile al problema delle microplastiche sparse nel mondo. Questo sembra essere suggerito da una class action di diversi residenti dello stato americano del Maine che è stata ripresa mercoledì dal sito web Bloomberg Law.

Le sostanze in questione fanno parte di quelli che in gergo popolare vengono chiamati “forever chemicals“, composti non degradabili. I test effettuati negli ultimi anni nel Maine hanno trovato queste sostanze chimiche nell’acqua di pozzo, nel suolo e nel latte di mucca. La sua presenza in questo prodotto alimentare di base ha rovinato finanziariamente diverse aziende agricole, che non possono vendere il loro latte per motivi di salute.

È una contaminazione diffusa che ha esposto la comunità “a livelli tossici di sostanze chimiche note per causare malattie debilitanti e disastrose”. Il documento incolpa del problema diverse cartiere che dal 1967 hanno distribuito tonnellate di prodotti con questi composti fluorurati come additivi per carburanti e fertilizzanti, questi ultimi hanno contaminato milioni di acri di terreno agricolo.

L’outlet si concentra sul caseificio di uno dei querelanti del Mainese, Fred Stone, che ha sostenuto diverse generazioni della sua famiglia per 107 anni, ma non serve più come fonte di reddito a causa della contaminazione dell’acqua e dell’inquinamento. Gli agricoltori come lui non sapevano che il fertilizzante usato nei loro terreni decenni fa conteneva questo tipo di sostanze chimiche. Altri vicini più giovani sono preoccupati per i problemi riproduttivi associati ai componenti pericolosi nell’industria della carta.

Risposta legislativa

A metà luglio, le autorità del Maine hanno risposto alle preoccupazioni di Stone e di altri agricoltori con la prima legge che vieta i tensioattivi fluorurati “aggiunti intenzionalmente” in tutti i prodotti a partire dal 2030. Il documento, promulgato questo mese, richiede ai produttori di segnalare tutti gli usi di questo classe di agenti chimici, designati in inglese con l’acronimo PFAS, nei prodotti venduti in quello stato.

(adsbygoogle=window.adsbygoogle||[]).push({})

Altre leggi territoriali regolano i test del suolo e delle acque sotterranee per rilevare in modo specifico queste sostanze chimiche e vietano la vendita di schiume antincendio che le contengono, che è un altro uso industriale dei tensioattivi fluorurati.

Dai pozzi al ghiaccio artico

Un rapporto pubblicato a luglio indica che le società di estrazione di petrolio e gas, tra cui ExxonMobil e Chevron, sono implicate nella diffusione degli stessi composti (o delle sostanze che li trasformano) tramite iniezioni sotterranee. Secondo le prove raccolte, sono utilizzati nella fratturazione idraulica (fracking) e tra il 2012 e il 2020 sono stati utilizzati in almeno 1.200 pozzi in sei stati.

L’esposizione a questi agenti tossici è associata a cancro, malformazioni congenite, pre-eclampsia e altri gravi rischi per la salute. Il rapporto avverte che sono tossici anche in piccole concentrazioni e si accumulano nel corpo umano.

Nel frattempo, un altro studio recente ha scoperto che gran parte dei tensioattivi fluorurati sono intrappolati negli iceberg artici e rilasciati nell’oceano mentre si sciolgono. Gran parte dei PFAS vi arriva con la nevicata e, durante lo scongelamento, l’acqua porta via sia i sali disciolti che queste sostanze, anch’esse tossiche per gli animali marini. Tutti gli anelli della catena alimentare oceanica sono esposti a danni, ma gli organismi che vivono a diretto contatto con il ghiaccio sono i più a rischio.