Bustine di Tè contaminate da miliardi di particelle di Microplastica

Scienziati canadesi hanno scoperto 11,6 miliardi di microparticelle e oltre 3 miliardi di nanoparticelle di nylon e polietilene tereftalato in ...

Allerta Plastica: Bustine di Tè con miliardi di particelle di Microplastica.

Scienziati canadesi hanno scoperto 11,6 miliardi di microparticelle e oltre 3 miliardi di nanoparticelle di nylon e polietilene tereftalato in tè certificato con un sacchetto a rete.

Gli scienziati hanno concluso che, insieme a una tazza di quel tè, possono penetrare nel corpo fino a 16 microgrammi di particelle polimeriche. Tali concentrazioni di microplastiche sono di molti ordini di grandezza superiori ai contenuti noti nei prodotti alimentari.

Sebbene molti stiano cercando di sbarazzarsi dell’uso dei polimeri nella produzione e nella vita di tutti i giorni, alcune compagnie di tè, d’altra parte, si stanno spostando dai soliti sacchetti di carta a quelli di plastica. Allo stesso tempo, a temperature superiori a 40 gradi Celsius, anche i materiali polimerici adatti per l’imballaggio alimentare possono decomporre o rilasciare sostanze tossiche.

Esperti della McGill University hanno verificato quante nanoparticelle di plastica e microplastica vengono liberate da una bustina di tè nell’acqua durante la preparazione dell’infuso e come gli organismi viventi si sviluppano in tali soluzioni.

Per questo, hanno messo bustine di tè vuote per cinque minuti in acqua calda (95 °C), che poi sono evaporate. Successivamente, i ricercatori hanno analizzato il residuo secco con un microscopio elettronico a scansione per rilevare la presenza di particelle di plastica.

La natura delle particelle è stata confermata dalla spettroscopia fotoelettronica a raggi X e dalla spettroscopia infrarossa a trasformata di Fourier.

Al fine di studiare la quantità di particelle di plastica rilasciate dalla bustina solo quando è stata preparata, gli autori hanno versato il contenuto, lavato le bustine più volte con acqua a temperatura ambiente e le hanno asciugate in un flusso di azoto.

Il diametro medio delle particelle è stato calcolato da 90 immagini al microscopio in parti arbitrarie di soluzioni evaporate di ciascuna delle quattro borse campione studiate. Il numero di particelle submicroniche è stato determinato dal loro movimento browniano nella soluzione mediante analisi di le traiettorie delle nanoparticelle.

A seconda del campione, da 7,8 a 21,4 miliardi di particelle di plastica sono cadute nell’acqua di una bustina di tè. Calcolando la media dei dati di quattro campioni, gli scienziati hanno concluso che, in media, circa 2,3 milioni di microparticelle e 14,7 miliardi di particelle di submicroni possono entrare nel corpo da una tazza di quel tè, di cui circa 3,1 miliardi sono più piccoli di cento nanometri.

La plastica negli esseri viventi

A seconda del tipo di bustina di tè, particelle di una dimensione simile del materiale da cui è fatta cadono nell’acqua: nylon-6.6 o polietilentereftalato (PET). Date le dimensioni, la composizione e la concentrazione, gli autori affermano che, insieme a una tazza di tè da una bustina di polimero, una persona beve 13-16 microgrammi di particelle di plastica.

Gli scienziati hanno dimostrato che le particelle non entrano nella soluzione a causa del taglio, ripetendo l’esperimento con bustine di tè intere. Secondo loro, le particelle di plastica entrano nella soluzione proprio a causa della distruzione del polimero quando riscaldate, poiché negli esperimenti con acqua fredda i ricercatori hanno contato 300 volte meno particelle.

L’influenza delle microparticelle rimane sconosciuta

Il meccanismo di questo processo non è stato ancora studiato. Sebbene i materiali studiati nei sacchetti siano considerati adatti per l’uso in prodotti alimentari, l’influenza delle microparticelle rimane sconosciuta.

Posizionando il crostaceo Daphnia magna in una tale soluzione, gli autori hanno trovato particelle microplastiche di dimensioni simili alla soluzione all’interno dei loro corpi. Inoltre, sono stati riscontrati cambiamenti strutturali in alcune parti della dafnia (55% di due campioni di bustine il terzo giorno di sviluppo).

Sebbene la dafnia sia lungi dall’essere simile all’uomo, studi sulla tossicità di alcuni composti chimici in essa hanno già rivelato un legame tra un effetto simile nei topi e noi.

L’effetto delle microplastiche negli organismi viventi a lungo termine non è ancora ben noto

Ad agosto, l’OMS ha affermato che al momento non è stato dimostrato il danno causato dall’introduzione di microplastiche nel corpo, ma la sua diffusione nel mondo è molto ampia. Particelle di polimero sintetico sono state trovate nelle acque sotterranee, nell’intestino di tartarughe marine, sale e feci umane.

Lo studio è stato pubblicato su Environmental Science and Technology.