Peggio dell’Anno scorso: brucia l’Amazzonia brasiliana

L’Amazzonia brasiliana ha registrato incendi boschivi a luglio, battendo così il record dell’anno scorso. L’organizzazione di Greenpeace ha avvertito che il record di incendi si verifica all’inizio della [...] ..

peggio anno scorso brucia amazzonia brasiliana

L’Amazzonia brasiliana ha registrato 5.373 incendi boschivi a luglio, battendo così il record dell’anno scorso. L’organizzazione di Greenpeace ha avvertito che il record di incendi si verifica all’inizio della stagione “con meno pioggia e umidità nella regione”.

Gli incendi boschivi nell’Amazzonia brasiliana hanno battuto un record annuale lo scorso luglio, a metà dell’inizio dell’estate nella regione, che ha destato preoccupazione da parte delle organizzazioni dedite alla difesa dell’ambiente. L’Istituto nazionale per la ricerca spaziale (INPE, per il suo acronimo in portoghese) del Brasile ha documentato 5.373 incendi boschivi in ​​Amazzonia nel luglio 2022, con un aumento del 7,9% rispetto allo stesso mese del 2021.

Dai dati INPE emerge che tra gennaio e luglio di quest’anno sono stati registrati 12.906 incendi boschivi nell’Amazzonia brasiliana; ciò rappresenta un aumento del 13,5% rispetto allo stesso periodo del 2021, quando sono state documentate 11.364 ustioni.

Inizio dell’estate amazzonica

L’aumento degli incendi boschivi nell’Amazzonia brasiliana, considerata il “polmone del pianeta” per la sua capacità di assorbire milioni di tonnellate di anidride carbonica, ha sollevato allarmi in tutto il mondo.

L’organizzazione di Greenpeace ha avvertito che la maggior parte degli incendi documentati sono stati causati dall’uomo in un momento in cui il governo brasiliano ha pubblicato un decreto che vieta agli agricoltori di appiccare incendi alle aree di coltivazione pulite, una pratica comune nel settore che ha effetti devastanti per l’ambiente.

“Tutta quella distruzione e fuoco, oltre a decimare la giungla e la sua ricca biodiversità, influisce anche sulla salute della popolazione locale a causa del fumo e della fuliggine che genera” – Greenpeace.