Opera creata con Intelligenza Artificiale vince concorso di belle arti e genera polemiche

L’immagine rappresenta una sorta di “opera nello spazio” e dà l’impressione di essere stata dipinta da una mano magistrale. Jason Allen, presidente della società di giochi da tavolo Incarnate [...] ..

opera creata con intelligenza artificiale vince concorso

  • L’immagine rappresenta una sorta di “opera nello spazio” e dà l’impressione di essere stata dipinta da una mano magistrale.

Jason Allen, presidente della società di giochi da tavolo Incarnate Games, ha vinto lunedì il primo posto al concorso di belle arti alla Colorado State Fair, utilizzando un’opera d’arte generata dall’intelligenza artificiale (AI).

Secondo il libretto con i risultati, pubblicato dalla fiera, l’opera in questione si chiama “Théâtre D’opéra Spatial” e ha vinto nella categoria arte digitale. L’immagine rappresenta una sorta di “opera nello spazio” e dà l’impressione di essere stata dipinta da una mano magistrale.

Secondo lo stesso Allen, il lavoro è stato realizzato dal software di intelligenza artificiale Midjourney, specializzato nella creazione di immagini artistiche utilizzando istruzioni di testo.

La polemica: “la morte della pittura tradizionale”

Ciò ha suscitato polemiche sui social media, con artisti e appassionati che hanno accusato Allen di aver portato alla morte della pittura tradizionale.

“Il problema più grande è che (presumibilmente), i giudici non si sono resi conto che si trattava di IA e hanno comunque pensato che fosse abbastanza buono per vincere.

Non fa ben sperare per umano contro IA”, ha scritto un utente. “Questo è disgustoso”, si lamentò un altro.

Tuttavia, alcune persone hanno reagito in modo opposto, esprimendo il loro sostegno alla notizia. “Il prodotto finale è ciò che conta. Se l’IA può creare opere d’arte straordinarie, non è una buona cosa?”, si è chiesto un utente di Twitter.

In realtà è fantastico. Il processo di esplorazione e targeting da parte di un essere umano è davvero qualcosa di unico. Solo perché non è la tua nicchia non significa che sia la fine del tuo mondo”, ha osservato un altro utente, concludendo che, in questo caso, gli artisti tradizionali dovrebbero imparare a usare l’IA, “se non altro per l’ispirazione”.