“Neve caduta in Spagna è Plastica, ci hanno ingannati”, spiegato il Video Virale

Dopo la storica nevicata che la tempesta Filomena ha lasciato attraversare la Spagna, continuano a circolare in rete immagini preziose e insolite, come quella di un uomo che cammina per ...

"Neve caduta in Spagna è plastica, ci hanno ingannati", spiegato il video virale.

Dopo la storica nevicata che la tempesta Filomena ha lasciato attraversare la Spagna, continuano a circolare in rete immagini preziose e insolite, come quella di un uomo che cammina per le strade di Madrid su una slitta trainata da cani.

Ma insieme a coloro che amano l’elemento bianco o subiscono le conseguenze della tempesta, anche i negazionisti che ne discutono sulla natura appaiono sulle reti: questi teorici della cospirazione bruciano palle di neve con un accendino nel loro tentativo di dimostrare che, in realtà, è di plastica.

Il video della donna che con l’accendino cerca di sciogliere una palla di neve

La protagonista del video (guardalo a fondo pagina) porta dentro casa sua una pallina di neve con la neve raccolta nel suo terrazzo e cerca di scioglierla lì con la fiamma di un accendino per dimostrarlo “Non è vera neve“. Il fatto che la palla non si sfaldi subito, che una parte di essa diventi nera e che l’operazione lasci un “odore di plastica bruciata” sono per la donna una prova attendibile che la neve non è neve. Allo stesso modo, assicura che riscaldando la palla “l’acqua dovrebbe cadere e sciogliersi, perché è ovvio che con il fuoco deve farlo”. “Questo è quello che ci mandano, plastica pura. Continuano a prenderci in giro con tutto”, conclude la protagonista del video.

L’esperimento della donna deriso su Twitter

Le immagini (le puoi vedere alla fine di questo articolo) sono diventate rapidamente virali su Twitter, dove molti utenti hanno reagito scagliandosi con ogni sorta di battute contro l’esperimento della donna, suggerendo ironicamente che “è la neve di plastica che arriva direttamente dalla Cina”; che “la neve che questa signora ha preso è neve, ma il fuoco nel suo accendino non è fuoco”, o che “neanche l’acqua che ci mandano è acqua”, ma “polietilene liquido iniettato nell’atmosfera come un aerosol” che precipita “quando Bill Gates preme il pulsante 5G”.

“Pensi che se qualcuno in altre galassie ci vede da fuori, si preoccuperà di venire ad invaderci?”, chiede un utente. Uno dei commenti sottolinea che il teorico della cospirazione non è riuscito a dire che “l’Antartide è in realtà un set di plastica e che i pinguini sono piccoli attori”.

La spiegazione

Nel frattempo, alcuni utenti di Internet, come il biologo Alvaro Bayón, si sono presi la briga di spiegare la natura del fenomeno agli scettici. In un thread postato su Twitter, l’esperto sostiene che “utilizzando un accendino stiamo bruciando un combustibile (butano o benzina), che contiene una quantità interessante di impurità che, se bruciate, formano fuliggine”, che normalmente è visto come fumo.

In questo modo, ciò che vediamo è la “fuliggine del carburante che si deposita sulla superficie” della palla. D’altra parte, mentre il gas butano stesso è inodore, è mescolato a sostanze che hanno odore così – sottolinea – “l’odore viene da quelle impurità che stanno bruciando”.

Quanto al motivo per cui non si scioglie immediatamente, il divulgatore spiega che, in primo luogo, l’acqua, anche congelata, “ha un calore specifico elevato”. Se la palla di neve è “incrostata”, cioè se rimuovi l’aria tra i fiocchi, il ghiaccio è in contatto con “altro ghiaccio”. “Stai applicando la fiamma su un punto localizzato, e la maggior parte del calore che riceve si dissiperà attraverso il resto della massa di ghiaccio, senza fondersi effettivamente, a causa di quell’elevato calore specifico”, spiega il biologo.

Allo stesso tempo, “nel punto in cui la fiamma colpisce più direttamente, il ghiaccio, passando improvvisamente da una temperatura molto bassa a una molto alta, subisce un processo ben noto a chiunque abbia studiato fisica e chimica, che si chiama sublimazione“, il passaggio dal ghiaccio al vapore senza passare per la fase liquida. “Pochissimo solido passa in molto gas, quindi è normale che questo processo non sia molto evidente. Anche se si può vedere se si presta attenzione”, ha detto Bayón.